Cuper, errore imperdonabile in panchina: tifosi furiosi

139

Per il Congo la partita contro il Benin era un’occasione incredibile, tornare al Mondiale dopo 48 anni di attesa, ma l’ex tecnico dell’Inter l’ha fatta grossa

Hector Cuper
Hector Cuper, da maggio CT della Repubblica Democratica del Congo (AP LaPresse)

Si parla spesso di quanto un allenatore possa influire in modo decisivo sulle prestazioni di una squadra e sugli errori che potenzialmente potrebbe commettere punto

Congo, la partita decisiva

In effetti gli unici errori davvero decisivi da parte di un allenatore di calcio sono quelli tecnici. Capitano raramente ma quando si verificano possono provocare danni di proporzioni devastanti.

È esattamente il caso di quello che è accaduto nelle qualificazioni al Mondiale in Qatar per la Repubblica Democratica del Congo, squadra che non partecipa alla principale competizione calcistica mondiale dal 1974 quando i Leopardi, allora il paese era lo Zaire, furono eliminati al primo turno.

Il Congo era chiamato a giocarsi tutto in una partita decisiva contro il Benin. E le cose si erano messe decisamente bene per la nazionale che, dal maggio scorso è stata affidata all’ex allenatore dell’Inter, Hector Cuper.

LEGGI ANCHE > Irlanda del Nord-Italia, i tifosi azzurri invadono Windsor Park

Il pasticciaccio brutto di Cuper

Commettendo un errore ingenuo, quasi da dilettante, Cuper ha infranto una delle poche regole che nessun allenatore può permettersi di dimenticare. Esagerare con le sostituzioni. Facendo confusione con le norme che consentono fino a cinque cambi ma soltanto nel corso di tre slot a partita in gioco, Cuper al 90’ ha effettuato una quarta sostituzione utilizzando un quarto slot, e dunque irregolarmente. L’arbitro non è tenuto a evitare l’errore: e ha lasciato fare.

La squadra era in vantaggio per 2-0 e non c’era alcun motivo di perdere del tempo. In definitiva il Congo era già ai Mondiali. E ora, invece, il Benin ha presentato ricorso sia alla AFC, la Federazione africana del calcio., che alla FIFA.  Il responso è atteso a giorni ma, considerando i precedenti, non ci sono dubbi. Il Congo perderà la partita a tavolino e dovrà cercare le qualificazioni ai play off.