Medvedev, finale con giallo: a Torino non ha perso solo con Zverev

132

Medvedev, finale con giallo: a Torino non ha perso solo con Zverev. Dopo la sconfitta nelle ATP Finals, altra amara sorpresa per il russo

La sconfitta contro Alexander Zverev nell’atto conclusivo delle Nitto ATP Finals di Torino ha rischiato di non essere l’unico boccone amaro ingoiato da Daniil Medveded domenica. Perché il tennista russo è stato protagonista, suo malgrado, di una vicenda sconfinata nella cronaca, anche se il finale è stato positivo.

Daniil Medvedev (LaPresse)

Come racconta il quotidiano ‘La Stampa’, infatti, il numero 2 al mondo aveva lasciato nel suo spogliatoio il suo prezioso Bovet Ottantasei, orologio nella nota Casa svizzera della quale è testimonial. Prezzo di listino, dai 165mila euro in su, non proprio alla portata di tutti. Bene, quando è tornato dopo la partita, l’orologio non c’era più ed è scattato l’allarme.

Medvedev era sicuro di averlo portato con sé, perché per ragioni di sponsor lo indossa sempre (anche dopo a finale degli US Open 2021) e lo aveva lasciato lì. Così è scattata prima la ricerca, rivelatasi infruttuosa, e poi la denuncia. Il russo è poi ripartito da Caselle in direzioni Montecarlo, dove vive da anni, e qui il giallo si è tinto ancora più di giallo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BOVET 1822 (@bovet1822)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Australian Open, defezioni tra i tennisti che non si vaccineranno

Medvedev, finale con giallo: il prezioso sta per tornare al suo legittimo proprietario

Perché improvvisamente e misteriosamente il prezioso orologio è ricomparso. Era nelle mani di un dirigente dell’ATP, il cui nome per ora è tenuto segreto, che stava per imbarcarsi su un aereo da Torino. Ha spiegato che stava andando anche lui a Montecarlo per riportarlo al suo legittimo proprietario, ma è stato bloccato dalla polizia. saranno gli agenti a riconsegnare il prezioso al Medvedev e ad approfondire cosa sia realmente successo.

(LaPresse)

Una storia a lieto fine, quindi, per un orologio che è molto legato all’Italia. La tecnologia infatti nasce dal rapporto di Bovet con i laboratori di Pininfarina, azienda torinese che da tempo non è più solo legata all’automotive. Medvedev anche il prossimo anni sarà testimonial e facilmente tornerà a Torino. Magari con un finale diverso.