Arsenal, Aubameyang la combina grossa: fascia tolta per motivi disciplinari

Come Icardi all’Inter e Dzeko alla Roma, anche Aubameyang ha perso la fascia di capitano: all’Arsenal non gli hanno perdonato il ritardo

Aubameyang
Lapresse

Sempre di più in questi ultimi anni si stanno verificando situazioni per cui gli idoli dei club vengono messi improvvisamente in disparte. E’ successo molte volte nel nostro campionato, basti pensare ai casi più eclatanti di Totti ed Icardi, ma anche a quelli di minor rilievo e più recenti come Arthur e Nzola.

Anche oltremanica non se la passano meglio in questo ambito. Secondo quanto riportato da “L’Equipe”, infatti, l’Arsenal ha comunicato di aver deciso di togliere la fascia di capitano dal braccio di Pierre Emerick Aubameyang.

L’attaccante dei Gunners non indosserà quindi la fascia da capitano nella prossima sfida di mercoledì e probabilmente per tutto il resto della sua permanenza a Londra.

LEGGI ANCHE: Juventus, defezione per motivi disciplinari: Allegri lo svela in conferenza 

L’Arsenal toglie la fascia dal braccio di Aubameyang: i motivi

Mikel Arteta
Lapresse

Ci aspettiamo che tutti i nostri giocatori, soprattutto il nostro capitano, seguano le regole e le pratiche che abbiamo concordato”, ha affermato il club londinese che ha preso questa decisione dopo che il calciatore del Gabon ha commesso alcune infrazioni disciplinari durante la scorsa settimana.

Secondo la rivista online The Athletic, Aubameyang era tornato tardi da un viaggio in Francia la scorsa settimana e la quarantena di 48 ore imposta al suo ritorno per combattere Covid ha comportato la sua assenza all’allenamento successivo.

Non si tratta, tra l’altro, del primo comportamento poco professionale imputato all’attaccante: già lo scorso marzo Arteta lo aveva relegato in panchina nel derby contro il Tottenham per un ritardo alla riunione prepartita.

LEGGI ANCHE: Balotelli, il messaggio di Montella spiazza tutti: “E’ il suo sogno”

E pensare che lo stesso Aubameyang aveva ereditato la fascia di capitano dell’Arsenal dallo svizzero Xhaka, reo di aver reagito malamente nei confronti dei tifosi che lo stavano fischiando durante una sostituzione contro il Crystal Palace.

Impostazioni privacy