Francia, Kylian Mbappè minacciato: ma il calcio non c’entra

213

Kylian Mbappè continua a far notizia in Francia: stavolta non è il rinnovo con il PSG la pietra dello scandalo, ma una questione politica

Kylian Mbappè
Ansa Photo

Il futuro di Kylian Mbappè è ancora tutto da scoprire. Il talento del PSG non ha ancora deciso se rinnovare col club transalpino oppure accettare la proposta allettante del Real Madrid, ma in campo continua a farsi valere.

Questo nonostante la tensione creatasi con i sostenitori del PSG che in alcune occasioni hanno cominciato a fischiarlo e anche a tendergli degli “agguati” sui social. Secondo quanto riportato dai media francesi, però, nelle ultime ore si sarebbe registrato un episodio davvero fuori dall’ordinario.

Mbappè infatti è stato minacciato di morte nella città in cui è cresciuto, calcisticamente e non. Ed il motivo di questo attacco frontale non avrebbe nulla a che vedere con lo sport, bensì con la politica.

LEGGI ANCHE: Kylian Mbappè esce allo scoperto, scelta la squadra per il prossimo anno

Kylian Mbappe, la sua gigantografia imbrattata con minacce di morte: il motivo

A Dubai
Ansa Photo

A Bondy, dove Kylian ha mosso i suoi primi passi da sportivo, l’attaccante del PSG non è poi così amato nonostante lui si rechi spesso nella cittadina a causa di una fondazione che incentiva attività ricreative e pedagogiche.

A molti cittadini, infatti, non va giù il fatto che lui e la sua famiglia supportino l’ex sindaca socialista Sylvine Thomassin. La Thomassin, nonostante abbia perso la poltrona nel 2020, è ora invischiata nella campagna elettorale contro il suo avversario di destra Stephen Hervé.

Alcuni detrattori dell’ex sindaca hanno quindi imbrattato la gigantografia di Mbappè presente a Bondy con la scritta “Mbappé tes mor” che, anche se in francese sgrammaticato, significa testualmente “Mbappè considerati morto”.

LEGGI ANCHE: Mbappè, clamorosa iniziativa dei compagni: il patron del Psg gongola

La Thomassin ovviamente ha stigmatizzato l’episodio, ma chissà se questo clima di tensione farà propendere il francese verso un trasferimento all’estero.