Rafa Nadal, l’ammissione prima dell’Australian Open: “Non è per sempre”

274

Rafa Nadal è pronto per l’ennesimo Australian Open in carriera. A tre giorni dall’inizio dello Slam, l’ex numero uno del mondo è tornato a parlare dei suoi obiettivi e delle aspettative future

Ci sarà, nuovamente, per l’ennesima volta. Rafa Nadal, dopo sei mesi di stop per l’infortunio al piede e la successiva positività al Covid riscontrata a metà dicembre, è pronto per affrontare l’Australian Open 2022. Lo farà da sesta testa di serie del seeding (una posizione non certo abituale per lui) e forte della recente vittoria all’Atp 250 di Melbourne che ne ha rilanciato le ambizioni dopo mesi di difficoltà.

Rafa Nadal
Rafa Nadal (Getty Images)

Periodo difficile del quale ha parlato apertamente Rafa dopo la recente vittoria, ammettendo di aver avuto qualche dubbio, nel momento più duro della convalescenza, sulla possibilità di tornare in campo per l’ennesima volta come già accaduto altre volte in carriera.

Di futuro e ambizioni, Rafa ha parlato in un evento organizzato prima dell’Australian Open nel quale ha incontrato un gruppo di giovani tennisti aussie. Parole di grande maturità quelle del maiorchino che ha dispensato consigli ai “colleghi”.

LEGGI ANCHEAustralian Open, le ultime sulla vicenda Djokovic

Nadal, le dichiarazioni sul futuro

Questa carriera non è per sempre – ha ribadito Nadal – bisogna saperlo, ho i miei obiettivi personali e cerco di divertirmi il più possibile.” Rafa ha poi ammesso di nuovo le difficoltà incontrate recentemente, acuite da anni di carriera: “Gli ultimi mesi sono stati duri. Mentalmente è sempre più dura, quando sei più avanti nella carriera.”

Le ambizioni però non mancano, una condizione inevitabile per un tennista che in carriera ha vinto tutto: “Credo di avere ancora passione e amore per quel che faccio. Ho ancora energia e cercherò di godermela.”

Rafa Nadal
Rafa Nadal (Getty Images)

Nadal esordirà all’Australian Open contro Giron in una porzione di tabellone molto impegnativo con possibile terzo turno con Khachanov, ottavo con Hurkacz e quarto di finale con Zverev, uno dei principali favoriti per la vittoria finale. In semifinale dovrebbe esserci Djokovic, condizionale quantomai d’obbligo considerata la situazione del serbo ancora in atteso del verdetto definitivo sulla permanenza o meno in Australia che dovrebbe arrivare nella nottata italiana tra venerdì e sabato.