Max Verstappen duro con Liberty Media: “Non esistono solo i soldi”

194

Max Verstappen duro con Liberty Media: “Non esistono solo i soldi”. Il campione del mondo non capisce le strategie per il futuro

Il Mondiale di Formula 1 sta arrivando al giro di boa per questa stagione: questa weekend il Gran Premio di Francia, nel prossimo quello di Ungheria prima della pausa. Ma nel 2023 il calendario sarà molto diverso: di sicuro più gara, probabilmente anche piste nuove oltre a Las Vegas che debutterà.

Max Verstappen (LaPresse)

Una strategia, quella di puntare su piste nuove e molti circuiti cittadini come fa la Indycar, che a molti piloti di F1 non piace. Uno su tutti, Max Verstappen. A lui poco importa di aver vinto il Mondiale con organizzazione Liberty Media, ma gli interessa di più gareggiare su piste serie e vere.

Baku, Jeddah, Miami e Las Vegas prossimamente. Ma forse anche Nizza che si sta preparando e altri che potrebbero farsi avanti. Troppi circuiti cittadini, poco spettacolo e anche poco rispetto per la tradizione, per quello che vogliono i tifosi. Così piste iconiche come quella di Spa-Francorchamps, che tornerà a fine agosto, rischiano seriamente di sparire dal calendario.

Max Verstappen duro con Liberty Media: così il futuro della Formula 1 è stravolto

Verstappen in conferenza stampa a Le Castellet non ha dubbi. “Quello è il mio tracciato preferito e penso che sia una pista fantastica. Posso capire che rispetto ad altri circuiti in alcune occasioni sia più difficile da raggiungere a causa del traffico, ma è una pista iconica. E non voglio immaginare che tra qualche anno gareggeremo solo su circuiti stradali, perché c’è bisogno di queste piste nel calendario”.

Il campione del mondo però ha messo l’accento sul vero problema: “Non esistono solo i soldi anche se capisco che questo è business, ma c’è un limite. Credo che sia importante mantenere in calendario questi tracciati dove guidare è fantastico. Le monoposto di F1 non sono progettate per le piste cittadine.

Futuro Formula 1 (LaPresse)

E per non far saltare il Gran Premio di Francia, altra gara a forte rischio fin dal prossimo anni, Esteban Ocon ha un’idea: la soluzione si chiama Le Mans. “La pista ha bisogno di un po’ di lavori per quel che riguarda i track limits e simili, ma avere una gara di Formula 1 a Le Mans sarebbe impressionante”.