“Charles Leclerc non deve cambiare”: l’appello prima della rimonta

434

“Charles Leclerc non deve cambiare”: l’appello prima della rimonta. Le prossime tre gare saranno decisive per la stagione

La vittoria di Pecco Bagnaia nel Motomondiale a Silverstone ha riacceso anche le speranze dei tifosi ferraristi. Perché se è vero che 80 punti da rimontare a Max Verstappen da qui alla fine della stagione, con sole nove gare ancora da disputare, sono tantissimi c’è sempre speranza.

Charles Leclerc (LaPresse)

L’impressione è che saranno decisivi i prossimi tre appuntamenti, quelli che riapriranno la stagione. Il 28 agosto il Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps, poi la settimana successiva il Gran Premio d’Olanda a Zandvoort che per mille motivi favorirà Verstappen e infine l’11 settembre il GP d’Italia a Monza.

Da lì in poi ci saranno ancora il GP di Singapore, quello del Giappone a Suzuka, degli Stati Uniti ad Austin e del Messico in ottobre. E poi ancora il Brasile ad Interlagos e Abu Dhabi il 20 novembre per mettere il sigillo alla stagione anche se i giochi dovrebbero essere già fatti.

“Charles Leclerc non deve cambiare”: tutta la Ferrari è vicina al suo campione

La missione di Leclerc (e Sainz) è decisamente complicata anche perché negli ultimi due mesi la Ferrari ha sprecato troppe occasioni tra errori dei pilori e decisioni sbagliate al muretto. Ma la pausa estiva servirà alla Ferrari per rimettere insieme i pezzi per provare a ridare un senso alla stagione.

Nei giorni scorsi Leclerc è tornato a parlare, spiegando di essere in simbiosi con il suo team senza nessun dubbio e nessuna rinuncia. Ma nessuno all’interno della squadra gli chiederà di modificare il suo atteggiamento, in pista come fuori. Lo ha confermato il direttore sportivo, Laurent Mekies, intervistato da racingnews365.com: “Charles ha dimostrato di avere una velocità così eccezionale che è un aspetto che non deve essere toccato. Non ha bisogno di noi per capire, da grande pilota, fin dove si deve spingere in termini di vicinanza al limite. È un maestro in questo e gli errori possono accadere così come sbagliamo anche noi”.

Charles Leclerc, operazione rimonta (LaPresse)

In casa Ferrari si guarda al risultato complessivo, non agli eventuali errori dei singoli e Leclerc in questa stagione, tra Qualifiche e gare ha sempre fatto quello che doveva: “Lui è stato eccezionale in molte più occasioni di quando ha sbagliato. E noi non vogliamo che cambi nulla”.