Prezzo carburanti, prosegue la discesa: automobilisti al settimo cielo

383

Prezzo carburanti, prosegue la discesa: automobilisti al settimo cielo. Il costo di benzina e diesel conmtinua a diminuire, ma il futuro è ancora incerto

Vacanze meno care? Se facciamo riferimento al costo dei carburanti senza dubbio la risposta è affermativa. Sembra infatti non arrestarsi in questi giorni la corsa al ribasso iniziata un paio di settimane fa dei prezzi di benzina e diesel.

Carburanti
Carburanti (Ansa)

In particolare nella prima metà di agosto si è assistito ad una diminuzione costante dei prezzi alla pompa, una decrescita che ha rappresentato una vera e propria boccata d’ossigeno per tutti gli automobilisti.

I dati ufficiali confermano in pieno questa tendenza: nel periodo compreso tra il 5 e il 9 agosto si è assistito a un calo dei prezzi di benzina e diesel in Italia.

Tutti coloro che si sono recati al self service per fare il pieno hanno speso 1,815 euro al litro circa ma, come già più di qualcuno aveva previsto, negli ultimi giorni si è assistito ad una nuova discesa del prezzo dei carburanti in tutta la penisola.

Osservando con attenzione i dati di più distributori in varie regioni del Belpaese si nota come il gasolio in certe località si trovi anche a minimi di circa 1,649 euro in self e in servito, con massimi di circa 2,009 euro al litro.

Prezzo carburanti, prosegue la discesa dei prezzi: quando finirà?

Benzina
Benzina (Ansa)

Tuttavia, nella maggior parte dei casi ci si colloca attorno a 1,7 o 1,8 euro al litro. Nel caso della benzina però a sorpresa, alcuni distributori sono passati dagli 1,833 euro di media a 1,7 o 1,8 euro circa sia in self che in servito, con minimi di 1,569 euro al litro e massimi a oltre 2,1 euro.

Le ragioni di questa sorta piccolo miracolo sono diverse: secondo il parere di alcuni analisti un contributo è arrivato dalla proroga dello sconto benzina introdotto attrraverso il Decreto Legge Aiuti bis.

Il taglio però era stato già fissato, quindi non è questa l’unica ragione. Molto più rilevante potrebbe risultare l’effetto a scoppio ritardato della diminuzione del prezzo del petrolio avvenuto lo scorso giugno.

Molti ora si chiedono quanto durerà questa fase di riequilibrio del prezzo dei carburanti. Ad oggi è molto difficile fare previsioni ma la sensazone è che il futuro sia ancora gravi di incertezze.