Lewis Hamilton, la rabbia prima del Gran Premio: parole di fuoco

249

Lewis Hamilton, la rabbia prima del Gran Premio: parole di fuoco. Il pilota inglese commenta l’esito delle qualifiche della gara di Spa Francorchamps

Il turbinio di penalità da scontare sulla griglia di partenza ha letteralmente stravolto lo schieramento iniziale del Gran Premio del Belgio. Max Verstappen ad esempio, che con la sua Red Bull ha rifilato distacchi pesantissimi a tutti, partirà dalla 15/a posizione.

Hamilton
Lewis Hamilton (LaPresse)

Le tante penalità inflitte ad alcune vetture favoriscono soprattutto la Mercedes: le due Frecce d’Argento scatteranno dalla 4/a posizione con Hamilton e dalla 5/a con George Russell. Un risultato di per sè tutt’altroche disprezzabile, ottenuto però solo grazie ai demeriti altrui.

Perchè analizzando i riscontri cronometrici, si scoprirà che la Mercedes di Hamilton ha girato in quasi due secondi più lentamente della Red Bull del campione del mondo in carica.

Un divario così ampio tra le due vetture a favore del team di Miltoin Keynes non si vedeva da tempo.

E non è un caso che nonostante la posizione favorevole sulla griglia di partenza, ai box del team di Brackley serpeggi un malcelato pessimismo in vista della gara.

Lewis Hamilton, parole di fuoco: “Un calcio sui denti”

Hamilton
Lewis Hamilton (LaPresse)

Subito dopo la conclusione delle qualifiche ufficiali, Lewis Hamilton come di consueto ha potuto parlare ai microfoni di Sky Sports F1. Il fuoriclasse inglese sette volte campione del mondo non si è nascosto dietro a un dito, tutt’altro.

Hamilton non ha fatto nulla per nascondere la sua grande amarezza per l’esito disastroso delle prove, proprio quando sembrava che la mercedes fosse in grado di riavvicinarsi ai team rivali in termini di prestazioni in gara e sul giro veloce.

Tutti lavorano per migliorare. Siamo venuti qui molto ottimisti, pensando che saremmo stati vicini, magari a mezzo secondo di distacco. Invece scoprire di aver accumulato un ritardo di quasi due secondi è come prendere un vero calcio nei denti. È quello che è. La verità è che con quest’auto continuiamo a fare fatica”.

E’ dunque un Hamilton rassegnato quello che si appresta a disputare un Gran Premio del Belgio che stando ai valori emersi in qualifica dovrebbe premiare la netta superiorità espressa dalla Red Bull.