Vincenzo Nibali, che bella sorpresa: può accadere molto presto!

288

Vincenzo Nibali, che bella sorpresa: può accadere molto presto! Il ciclista ha dato l’addio alle corse proprio al termine di questa stagione

Il corridore classe 1984, vuole comunque rimanere nel mondo del ciclismo anche dopo aver smesso i panni del professionista. Per lui all’orizzonte c’è un ruolo di superconsulente.

Vincenzo Nibali
Vincenzo Nibali (AnsaFoto)

Sta mettendo come al solito tutto se stesso anche in quest’ultima grande corsa a tappe della sua carriera. Vincenzo Nibali viaggia attorno alla 50a posizione nella classifica della Vuelta di Spagna, ma non ha lesinato fughe e tentativi degni di buona visibilità. Il corridore messinese, che a novembre compirà 38 anni, ha annunciato il suo ritiro proprio al termine di questa stagione. Il passo definitivo è stato compiuto dopo il Giro d’Italia, competizione che lo ha visto grande protagonista con uno straordinario quarto posto (a 9 minuti dal sorprendente vincitore Jai Hindley). Lui che in carriera ha vinto tutti i grandi Tour (due volte il Giro d’Italia, una la Vuelta e una il Tour de France) non ha però intenzione di staccare completamente con il mondo del ciclismo. Nel suo futuro c’è qualcosa ancora legato al presente, ma in vesti ovviamente diverse.

Vincenzo Nibali, che bella sorpresa: rimarrà nel mondo del ciclismo come superconsulente di un nuovo team

Nibali
Vincenzo Nibali (AnsaFoto)

Come riportato in queste ore da La Gazzetta dello Sport, per “Lo Squalo” è pronto un ruolo da Superconsulente. Dovrebbe farlo per la nuova squadra svizzera Professional, capitanata da Douglas Ryder, pronta a prendere il posto della defunta Qhubeka-Nexthash, dall’inizio del 2023.

Il messinese quindi sembra destinato a mettere la sua esperienza al servizio del team che potrebbe annoverare tra le proprie fila anche nomi italiani come Matteo Moschetti, Filippo Conca e Antonio Puppio. Per Nibali, inoltre, è pronto anche un ruolo da ambassador del brand di abbigliamento ciclistico Q36.5. L’azienda conta di poter fare affidamento sui feedback di quello che è stato tra i più grandi corridori italiani di sempre.

Nel frattempo, prima di dedicarsi definitivamente al suo futuro dall’altra parte della barricata, Vincenzo vuole chiudere in bellezza questo 2022, che lo vedrà impegnato dopo la Vuelta nelle grandi classiche di fine stagione (Giro di Lombardia su tutte). Chissà che non ci sia spazio per un ultimo meritato successo.