Lewis Hamilton, cambia tutto all’improvviso: che svolta per il campione

403

La stagione di Formula 1 prosegue a Sao Paulo e per Lewis Hamilton c’è una clamorosa novità

Lewis Hamilton ha una vita ricca, intensa e piena di soddisfazioni. Non più un anno fa ha ottenuto la carica di sir dalle mani di sua maestà la compianta Regina Elisabetta II in persona. É uno degli sportivi più ricchi del mondo, un imprenditore di successo, un testimonial straordinario. Ma anche un grande uomo d’affari.

Lewis Hamilton Sportitalia 221108
Lewis Hamilton, sette titoli mondiali, sei dei quali con la Mercedes (AP LaPresse)

In tutto questo non possono mancare anche quelle che sono le relazioni istituzionali di Hamilton che da tempo valgono una fortuna non solo per la Mercedes, ma per tutto il settore automotive. Basta una sua parola e il business, qualsiasi sia quello cui il sette volte campione del mondo si interessa, prende il volo. É di pochi giorni fa la notizia di un nuovo considerevole investimento di Hamilton che è entrato in società nientemeno con Tiger Woods e Rory McIlroy per lanciare una nuova piattaforma di organizzazione di grandi eventi sportivi.

Lewis Hamilton, inglese e non solo

Tra le tante soddisfazioni che Hamilton si è tolto nel corso degli ultimi anni da ieri ce n’è una in più. Il pilota inglese della Mercedes ha ricevuto la cittadinanza onoraria brasiliana. Quello con il Brasile è un legame molto profondo da parte di Hamilton che spesso si è recato in Brasile non solo per questioni di carattere agonistico. Gare o altro.

Almeno una volta all’anno Hamilton si reca in Brasile, in particolare nella zona a sud, quella tra Porto Alegre e Curitiba per vacanza: ama il surf e l’atmosfera rilassata che si respira in paesi che il pilota sente molto vicini. Hamilton, grande appassionato di musica, che produce con un proprio progetto, ha molti amici in Brasile. Musicisti, artisti, sportivi. La Mercedes ha investito molto su di lui anche in qualità di testimonial non solo per il Brasile ma per tutto il Sudamerica. Indipendentemente da questo quella di Hamilton per il paese latino è una vera e propria passione.

Ayrton Senna il suo modello

Lewis Hamilton Sportitalia 221108
Il casco con di Hamilton con i colori del Brasile (AP LaPresse)

Hamilton per esempio è vicinissimo alla famiglia di Ayrton Senna, il suo idolo fin da quando era bambino. Molto spesso il pilota inglese ha raccontato quanto il tre volte campione del mondo abbia influenzato il suo modo di correre e di avvicinarsi alle gare.

Da tempo Hamilton collabora in numerose iniziative benefiche che la fondazione di Senna organizza per sostenere l’infanzia in difficoltà nelle zone più povere del paese, in particolare nelle favelas di Sao Paulo e Rio de Janeiro. Hamilton ha preso parte a molte campagne per l’alfabetizzazione, sponsorizza eventi sportivi dedicati ai giovanissimi, dona parte della sua consistente fortuna ad associazioni che si occupano di scolarizzazione, protezione dell’ambiente e assistenza medica di base. E indipendentemente dalla passione agonistica che spesso divide, se c’è un pilota amato in Brasile questo è Lewis Hamilton. Un amore ricambiato che si è concretizzato con la cittadinanza onoraria.

“Ora sono uno di voi…”

Lewis Hamilton Sportitalia 221108
Hamilton con la bandiera del Brasile dopo la vittoria di Sao Paulo dello scorso anno (AP LaPresse)

Arrivato in Brasile con due giorni d’anticipo in vista del gran premio in programma domenica sul circuito di Interlagos, Lewis Hamilton prima ancora di conferenze stampa ed eventi ufficiali, ha risposto all’invito del governatore dello stato paulista e del presidente della camera bassa del congresso confederale. E nel palazzo federale del congresso di Brasilia ha ricevuto la cittadinanza onoraria. Un grande onore.

“Ora davvero mi sento come se fossi uno di voi – ha detto il pilota Mercedes tra gli applausi – amo il vostro paese, amo la vostra gente, amo la vostra gioia di vivere. E ogni volta che vengo qui, che vinca o che perda scopro sempre di essere un uomo felice”.

Tre le vittorie di Hamilton in Brasile. L’ultima risale al gran premio dello scorso anno. Applausi scroscianti quando completò il giro d’onore con una bandiera brasiliana attaccata al telaio della sua Mercedes per poi portarla trionfalmente sul podio. Lo scorso anno il deputato Andre Figuereido ha proposto la cittadinanza onoraria per Hamilton. Proposta approvata all’unanimità. Ieri la cerimonia: Hamilton, elegantissimo in un completo blu, ha ricevuto la medaglia al merito del Brasile, un diploma e ha tenuto un discorso ringraziando i suoi fan e dedicando questa onorificenza a Senna. Hamilton ha parlato anche di ambiente e della salvaguardia della foresta pluviale dell’Amazzonia: uno degli argomenti a lui più vicini.