Bollo auto 2023, il risparmio è servito: ottime notizie per gli italiani

230

Bollo auto 2023, il risparmio è servito: ottime notizie per gli italiani. Ci sono metodi assolutamente legali per pagare di meno sulle tasse

Per migliaia di automobilisti italiani si sta avvicinando il momento più temuto. Perché alla fine di gennaio cominceranno i pagamenti per il Bollo Auto 2023 e tutti dovranno dimostrare di essere in regola, se non vogliono correre il rischi di rimanere a piedi.

Bollo auto 2023 risparmio
Bollo auto 2023, il risparmio è servito (Sportitalia.it)

Il Bollo Auto è un po’ come l’abbonamento tv. Se anche un telespettatore non guarda mai la Rai, è una tassa automatica. Se anche teniamo ferma la macchina sei mesi l’anno, alle Regioni (che sono deputate ad incassarlo) non importa e non c’è nessuno sconto.

O meglio, uno sconto ci sarebbe pure e c’è chi riesce a pagare di meno pur rimanendo all’interno della legge. Dobbiamo rifarci alla normative regionali e in particolare a quelle di due territori italiani che cercano di andare incontro agli automobilisti. Perché un metodo per risparmiare sul pagamento è scegliere la domiciliazione bancaria.

Un sistema che funziona bene per le bollette domestiche e dà diritto ad uno sconto. Lo stesso succede per la tassa automobilistica, anche e al momento ad utilizzare questo metodo sono soltanto la Campania e la Lombardia.

Bollo auto 2023, il risparmio è servito: come funziona lo sconto in Campania

Andiamo quindi nel dettaglio e vediamo come funziona la domiciliazione del Bollo Auto in Campania. Il governo regionale applica uno sconto del 10% a tutti gli automobilisti che scelgono questa forma di pagamento.

Possono quindi sceglierla i residenti nella Regione Campania, se proprietari di uno o più veicoli oppure i soggetti che pagano per conto del proprietario del veicolo. Ma allo stesso modo è aperta la possibilità di aderire anche agli Enti e alle imprese.

 

Basta presentare una richiesta specifica compilando e firmando il mandato, da spedire via mail, con firma digitale, all’indirizzo domiciliazione.tassaauto@regione.campania.it, oppure attraverso la propria banca. In alternativa si può spedire per posta ordinaria a Regione Campania – Casella Postale 58 – U.P. Roma Tiburtino Sud viale Palmiro Togliatti 1505 – 00155 Roma. La domanda deve essere presentata entro il giorno 15 del mese precedente a quello della scadenza del bollo, pena l’impossibilità di adesione.

Bollo auto 2023, anche in Lombardia è possibile avere una tariffa ridotta: ecco come funziona

Un discorso simile vale per chi deve pagare il Bollo Auto 2023 in Lombardia ma qui lo sconto è pari al 15% aderendo alla domiciliazione bancaria. Inoltre non c’è bisogno di presentare la domanda ogni anno, dato che il rinnovo della domiciliazione bancaria è automatico e questa può essere solo revocata.

Possono aderire i cittadini residenti in Lombardia o iscritti all’Anagrafe dei Cittadini Italiani Residenti all’Estero, proprietari di uno o più veicoli, oppure locatari. Ma anche i cittadini che pagano per conto del proprietario o locatario del veicolo, imprese ed Enti titolari di non più di 50 veicoli (in questo caso è il 10%).

Per attivare la domiciliazione sarà obbligatorio presentare il mandato di autorizzazione all’addebito presso la Regione Lombardia online, tramite l’Area Personale Tributi sul sito della Regione Lombardia, oppure per posta ordinaria indirizzata a Regione Lombardia – Casella Postale 11048 – 20124 Milano. Nel caso di auto cointestata la richiesta di domiciliazione dovrà essere presentata dal soggetto il cui nome compare per primo sulla carta di circolazione.

Bollo auto
Bollo auto scontato in Lombardia (Sportitalia.it)

La revoca della domiciliazione deve essere richiesta in caso di trasferimento della residenza in un’altra regione, spostamento della domiciliazione su un altro conto oppure reimmatricolazione del veicolo. Invece scatta in automatico nel caso di vendita, furto o demolizione dell’auto (ma serve la registrazione al PRA.