Juventus, Elkann vuole vincere e si affida ancora ad Allegri

Sono giornate serene in casa Juventus, la squadra ha ripreso un ritmo positivo prima della pausa, John Elkann e la proprietà hanno dato un nuovo segnale di solidità e in società è tempo di celebrazioni. Nei giorni scorsi, allo Juventus Museum, il presidente di Exor, controllante della Juventus, ha inaugurato la nuova ampliata sala trofei. Ieri, alle celebrazioni per i 10 anni della proprietà Agnelli, John Elkann ha fatto gli onori di casa di fronte a 8 mila tifosi e tante leggende bianconere.

ELKANN RILANCIA LA JUVENTUS: VOGLIA DI VITTORIE

C’era ovviamente anche Max Allegri con il resto della squadra. A lui, il numero uno di Exor all’inaugurazione della nuova sala trofei, ha chiesto nuove vittorie: “Sono 83 i trofei della Juventus, 82 vinti con la mia famiglia alla guida. Ora vogliamo nuove vittorie e contiamo su Allegri”. Il tecnico livornese ha già corposamente contribuito nel suo primo ciclo a rimpolpare la bacheca bianconera. 11 i trofei vinti sotto la sua prima gestione, ma ancora zero in questa. La speranza, celata dietro l’obiettivo minimo del quarto posto, è quella di tornare alla vittoria già quest’anno e John lo fa intuire.

OBIETTIVO VITTORIA, SUPPORTO DA UN CORPOSO AUMENTO DI CAPITALE

E se Elkann chiede ad Allegri di vincere di nuovo, mettendoci il suo contributo tecnico, lui stesso il grande contributo lo ha dato nella giornata di venerdì. Infatti, nel CdA che ha approvato il bilancio 2022/23, è stato varato un aumento di capitale da 200 milioni di euro. 128 di questi saranno immessi in società direttamente da Exor, in quanto socio di maggioranza. Una ulteriore testimonianza di quanto John Elkann in questo momento sia vicino alla Juventus.

JUVENTUS, ALLEGRI È ANCORA L’UOMO GIUSTO?

La proprietà ancora una volta ha rinnovato la fiducia a Massimiliano Allegri. Se un anno fa le conferme arrivate potevano essere “di circostanza” per via del passaggio societario a vuoto, oggi quelle stesse convinte conferme arrivate anche per voce di Cristiano Giuntoli sembrano qualcosa di più. Per i bianconeri il tecnico è e rimane un punto di riferimento. I 17 punti raccolti finora rappresentano il miglior avvio in campionato dal suo ritorno e un buon viatico per iniziare la rincorsa perlomeno alle Coppe Europee. Per lo Scudetto, nonostante la Juventus non avrà tanti impegni infrasettimanali, servirà qualcosa in più: Allegri è l’uomo che può regalare alla rosa bianconera quel quid per superare Milan e Inter?

Impostazioni privacy