Hamilton, smacco alla carriera: la sentenza è durissima

C’è una sorta di smacco per Lewis Hamilton, che di certo non ha preso bene le ultime dichiarazioni nel campo della Formula 1.

Il pilota britannico sa di dover recuperare terreno, anche nell’ultimo gran premio non ha avuto troppa fortuna con il suo secondo posto, festeggiato sul podio, che è stato cancellato dalla squalifica.

Hamilton, smacco alla carriera : la sentenza è durissima
Nuova delusione in corso per Lewis Hamilton (LaPresse) – sportitalia.it

È un periodo decisamente complicato, ma non per questo dovrà lasciarsi abbattere. Lewis Hamilton con la Mercedes dovrà stringere i denti, il rinnovo con la scuderia è quell’incentivo in più per concentrarsi ormai sulla stagione 2024.

L’inglese dovrà trovare nuovi stimoli, non vince una corsa dall’ottobre 2021, non è di certo facile per un campione come lui guardare gli altri colleghi trionfare. C’è ora anche un altro aspetto che non piace al pilota britannico, il confronto non è stato proprio gradito.

Critiche su Hamilton, che stoccata dal team manager

Non è facile per il pilota trovare le giuste motivazioni, soprattutto considerando il grande dominio della Red Bull. La macchina migliore non è la sua, e probabilmente ci sarà molto da lottare per rimettersi al pari del team campione del mondo. Ma la stoccata arrivata non è stata di certo una buona base per ripartire, su PlanetF1.com, è stato l’ex team manager della Benetton, Joan Villadelprat, a dare il suo giudizio: Verstappen è migliore di Hamilton, anche invertendo le vetture.

Le parole di Abbott sul campione del mondo
Verstappen – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Ovvero, il pilota austriaco, secondo Villadelprat, sarebbe migliore dell’inglese, nonostante abbia vinto tre titoli contro i sette degli inglesi. L’ex team manager del primo Michael Schumacher, infatti, ha specificato come ci siano dei valori assoluti che spingono proprio in favore dell’olandese, sin da ora: “Anche cambiando le macchine, Verstappen sarebbe il migliore. L’olandese ha tanta fiducia, si nota da come si muove, dal modo in cui affronta il weekend e come affonda già nel primo giro. Max Verstappen già dal primo tornante dà tutto, emoziona sin da subito. E quando un campione del mondo arriva a questo punto, è davvero difficile tenerlo a freno”.

Dichiarazioni di grande stima verso il tri campione del mondo, che in questa stagione non ha avuto difficoltà. L’unico timore di Verstappen è ormai sulla seconda guida in Red Bull, la fiducia verso Perez è ormai calata e potrebbe così consigliare la sua scuderia verso una nuova scelta. Non chiaramente Hamilton, quanto un giovane pilota che abbia mostrato già numeri interessanti. Il preferito è Norris, molto probabile però un ritorno di Riccardo o un blitz per Tsunoda.

Impostazioni privacy