Napoli-Braga 2-0: Azzurri agli ottavi di Champions League senza patemi

Nonostante tante paure dovute alla recente serie di sconfitte, il Napoli si regala una serata tranquilla al Maradona. Contro lo Sporting Braga, non solo i Campioni d’Italia passano il turno, ma lo fanno vincendo 2-0 senza alcun affanno. I portoghesi nulla hanno potuto per giocarsi il passaggio del turno. Per i partenopei non è solo la vittoria l’aspetto positivo ma anche il passaggio del turno da seconda del girone e il mini obiettivo di vincere senza subire gol come aveva chiesto mister Mazzarri.

LE SCELTE DI MAZZARRI

Walter Mazzarri sceglie lo stesso undici schierato a Torino contro la Juventus. Meret tra i pali, difesa a quattro con Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus e Natan. A centrocampo trio con Lobotka, Zambo Anguissa e Zielinski. Trio offensivo composto da Kvaratskhelia, Osimhen e Politano.

IL NAPOLI LA CHIUDE NELLA PRIMA FRAZIONE, BRAGA INERME

Pronti, via e Napoli e Braga provano immediatamente a farsi male. I portoghesi ci provano subito con Bruma, ma al 9’ è la squadra napoletana a passare. Politano spinge sulla destra, arriva sulla destra e nel tentativo di crossare trova la deviazione del turco Saatci. La traiettoria beffa Matheus che non riesce a salvare il pallone dal superare la linea di porta.

Il Napoli spinge senza prendersi troppi rischi, mentre il Braga ci prova senza esito. Al 31’ Zielinski in area col mancino conclude forte da distanza ravvicinata, ma trova l’opposizione del portiere dei portoghesi. Due minuti più tardi ecco il 2-0 che chiude la gara. La corsia mancina del Napoli, con Kvaratskhelia che lancia il pallone in profondità Natan che si beve. Fonte e mette al centro con Osimhen. Il neo Pallone d’Oro Africano controlla male ma riesce a beffare il portiere brasiliano.

SECONDO TEMPO, NAPOLI E BRAGA NON SI FANNO MALE

Nella ripresa Napoli e Sporting Braga non riescono a farsi troppo male. Solamente nel finale di gara, partenopei e portoghesi hanno comunque provato sortite offensive rivelatesi pericolose. Prima è Kvaratskhelia al 73’ ad impegnare Matheus, tanto da respingere il pallone sul palo. Al minuto, a prendere il palo è il Braga, con Ricardo Horta che quasi beffa Meret.
È l’ultima emozione della gara. Ora il Napoli attende il sorteggio per capire quale sarà l’avversaria agli ottavi di finale.