Ferrari, Hamilton e non solo: utile da record nel 2023

Ferrari e Lewis Hamilton, un’accoppiata da primato. Ma è da record anche l’utile 2023 della Rossa di Maranello

Un fulmine a ciel sereno. Con un vero e proprio blitz la Ferrari, dopo il rinnovo pluriennale di Charles Leclerc, ha messo a segno il colpo che spiazza il paddock della Formula 1.

Ferrari, utile record
Ferrari, non solo Hamilton: utile 2023 da record (Ansa)-sportitalia.it

Dal 2025 Lewis Hamilton, sette titoli iridati e 108 vittorie che ne fanno il pilota più vincente di sempre, sarà al volante della Rossa di Maranello in sostituzione di Carlos Sainz, formando una coppia da sogno con il monegasco, per regalare al Cavallino rampante quel titolo iridato che a Maranello manca da troppo tempo (Kimi Raikkonen nel 2007).

Il 39enne inglese, che insegue l’ottavo titolo mondiale che lo renderebbe recordman in solitaria (oggi lo detiene in coabitazione con Michael Schumacher), è già carico in vista della sua nuova avventura in ‘rosso’ anche se per avere tra le mani il volante della Ferrari dovrà attendere un anno: “E’ giunto il momento di fare questo passo e sono entusiasta di affrontare una nuova sfida. Ho passato 11 anni meravigliosi in Mercedes e sono orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto insieme. La decisione di andarmene è una delle più difficili che abbia mai preso”.

Brilla, dunque, il ‘rosso’ Ferrari anche perché il suo bilancio 2023 fa registrare ricavi in crescita e un utile record che, di fatto, rendono finanziariamente sostenibile l’ingaggio di Lewis Hamilton sul cui conto corrente la Mercedes accredita 40 milioni di euro.

Ferrari, bilancio 2023: ricavi in crescita e utile record

Uno stipendio, con tanto, va da sé, di sostanzioso ritocco verso l’alto, quello di Hamilton, che non spaventa affatto la Ferrari, il ‘gioiello’ più brillante custodito nella ‘cassaforte’ della famiglia Agnelli-Elkann, la holding Exor, che, come anticipato, ha chiuso il 2023 con un utile netto pari a 1.257 miliardi, per la prima volta oltre la soglia di 1 miliardo, in crescita del 34% rispetto al 2022.

Il margine annuale dell’Ebitda – acronimo inglese per Margine operativo lordo, cioè l’utile al netto degli interessi, delle tasse, delle svalutazioni e degli ammortamenti – è salito al 38,2%, altro record per la casa di Maranello. I ricavi netti sono pari a 5.97 miliardi, il 17,2% in più dell’anno precedente, con consegne totali pari a 13.663 unità, in aumento del 3.3% rispetto al 2022.

Ferrari, ricavi in crescita e utile da record
Ferrari, un utile 2023 da record e ricavi in crescita (Ansa)-sportitalia.it

In produzione la Ferrari ha 11 modelli con motore a combustione interna (Ice) e quattro a motore ibrido, rispettivamente il 56% e il 44% delle consegne totali che hanno prodotto un free cash flow industriale – il flusso di cassa disponibile, cioè la liquidità che un’azienda è in grado di generare grazie alla sua attività operativa – di 932 milioni di euro, con l’indebitamento industriale netto al 31 dicembre 2023 che è pari a 99 milioni, in netto calo rispetto a 207 milioni al 31 dicembre 2022.

Insomma, risultati strabilianti che, uniti all’ingaggio di Lewis Hamilton, fanno volare il titolo del Cavallino Rampante in borsa in attesa che lo faccia anche in pista per mettere finalmente fine alla ‘dittatura’ della Red Bull.