Zilliacus rinuncia all’Inter: il comunicato di Century Capital

Thomas Zilliacus rinuncia all’Inter: l’imprenditore, con un comunicato, ha dichiarato l’interruzione di ogni discorso ed interessamento. Di seguito il comunicato.

“Thomas Zilliacus – si legge – ha lavorato per quasi un anno alla costruzione di un consorzio in grado di rendere l’Inter la migliore squadra del mondo e una candidata permanente alla vittoria di campionato e Champions League. XXI Century Capital ha presentato un’offerta nel novembre del 2023, ed è stata molto vicina alla conclusione di un accordo.

Quel processo è ora deragliato per via delle false e dannose accuse che sono state pubblicate per la prima volta su Singapore Straits Times […] Il caso contro YuuZoo – scrivono i legali – è inventato, e si basa sulle bugie di un ex dipendente che era stato licenziato dopo aver molestato cinque dipendenti donne, due delle quali hanno sporto denuncia alla polizia. L’ex dipendente in questione ha quindi cercato di ricattare YuuZoo chiedendo un grosso pagamento in contanti e dicendo che altrimenti si sarebbe rivolto alla Borsa e ai media di Singapore e avrebbe offuscato la reputazione di YuuZoo. Quando YuuZoo ha detto no al suo tentativo di ricatto, ha fatto quello che aveva minacciato di fare. XXI Century Capital specifica poi come Zilliacus non si sia “mai rifiutato di tornare a Singapore, il Paese che dal 1986 considera casa sua. […] Vuole andare in tribunale per presentare le prove che YuuZoo e il suo consiglio di amministrazione non hanno fatto nulla di male nel 2015 e nel 2016. Questa possibilità non gli è stata data per i primi sei anni in cui la polizia di Singapore ha condotto le sue indagini.

Per motivi di salute Thomas Zilliacus non può effettuare il lungo volo di 12 ore per Singapore. Si è quindi offerto di partecipare alle udienze in tribunale tramite Zoom, possibilità garantita dalla legge di Singapore. Si arriva dunque agli effetti che questi ultimi sviluppi hanno avuto sul tentativo di acquisizione dell’Inter: “A causa delle false accuse che lo hanno dipinto un latitante, quando in realtà non è stato nemmeno accusato di nulla – si legge sempre nel comunicato -, alcuni degli investitori che avevano già firmato accordi per acquistare l’Inter hanno interrotto il processo di investimento. Di conseguenza, XXI Century Capital è per ora costretta a interrompere i lavori sull’offerta al club nerazzurro”.

Impostazioni privacy