Polemiche sull’arresto di Jaxson Hayes: il video diventa virale

478

L’arresto di Jaxson Hates, giocatore dei New Orleans Pelicans, è diventato uno degli episodi più controversi dell’anno, la polizia dovrà risponderne in tribunale

Jaxson Hayes
Jaxson Hayes #10 dei New Orleans Pelicans uno dei casi sportivi più discussi di questa stagione (Getty Images)

É diventato virale, e sta scatenando moltissime polemiche, il video dell’arresto del giocatore NBA dei New Orleans Pelicans Jaxson Hayes, avvenuto il 28 luglio scorso. E ora rischia di avere conseguenze molto serie destinate al tribunale.

Jaxson Hayes, il video dell’arresto

I fatti risalgono al 28 luglio scorso. Il 911, il numero unificato di emergenza statunitense, aveva ricevuto una chiamata dalla cugina del giocatore che al culmine di una lite aveva alzato la voce, diventando aggressivo.

Gli agenti di polizia sono arrivata a casa del cestista, nel sobborgo residenziale di Woodland Hills nei pressi di Los Angeles, in pochi minuti e qui una volta identificato i presenti hanno deciso di arrestare il giocatore che inizialmente aveva opposto resistenza.

LEGGI ANCHE > Nuovo scandalo sportivo a luci rosse: in carcere star della MLB

“I can’t breathe”

Hayes aveva parlato di un arresto violento e di un atteggiamento molto aggressivo da parte dei poliziotti sfidando la polizia di Los Angeles a rendere pubblico il video dell’arresto. Quasi tutti i poliziotti sono equipaggiati con almeno una telecamera che fa parte della loro dotazione, a bordo delle auto ma anche sui giubbotti, le cosiddette body-cam.

Il video è stato reso pubblico e acquisito dai legali del giocatore. Il video evidenzia uno degli agenti appoggiare con forza il proprio ginocchio sul collo di Hayes. Una mossa simile a quella che provocò la morte di George Floyd in un episodio che scatenò violenze in tutti gli Stati Uniti dando vita al movimento Black Lives Matter.

Hayes si era lamentato di non essere in grado di respirare, anche lui aveva usato la frase “I can’t breathe”, la stessa usata da Floyd. Per immobilizzarlo la polizia aveva anche usato un taser.

Al momento l’arresto è oggetto di indagine da parte della procura federale. Ma non è escluso che i legali di Hayes lo vogliano utilizzare per intentare causa alla polizia.