Pelè, il mondo del calcio di nuovo in ansia: peggioramento improvviso

356

Pelè, il mondo del calcio di nuovo in ansia: peggioramento improvviso. Si sono aggravate le condizioni dell’ex fuoriclasse brasiliano

Pelè
Pelè (Getty Images)

Il mondo del calcio, e non solo, è di nuovo in ansia per il suo Re. Le condizioni di salute del fuoriclasse per eccellenza, il più forte giocatore di tutti i tempi, Edson Arantes do Nascimiento detto Pelè si sono nuovamente aggravate. O Rei, leggenda del calcio brasiliano e mondiale, per ben tre volte campione del Mondo con la Selecao, è rientrato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Albert Einstein di San Paolo, secondo quanto riferito da ESPN Brasil, per una nuova serie di controlli dopo che aveva lasciato l’unità all’inizio di questa settimana. Pelè, 81 anni da compiere il prossimo ottobre, è stato da poco operato per un tumore al colon e l’intervento era pienamente riuscito.

LEGGI ANCHE>>>Pelè, stasera il film in tv: il retroscena sulla vita del campione

LEGGI ANCHE>>>Preoccupazione per Pelé, ricoverato in ospedale: le sue condizioni

A convincere i medici dell’ospedale a trasferire di nuovo l’ex fuoriclasse in terapia intensiva e sotto stretta osservazione sarebbe stato un rigetto, una reazione non grave (ma da controllare con grande attenzione) alla terapia che gli viene somministrata. Le sue condizioni restano stabili e – come riferisce ESPN – in questo momento per fortuna Pelè non sarebbe in pericolo di vita. Resta il fatto che da otto anni a questa parte, le condizioni di salute di O’Rei sono peggiorate progressivamente. Già nel 2014 l’ex fenomeno del San Paolo era stato ricoverato per una grave infezione alle vie urinarie risoltasi nel giro di qualche settimana.

LEGGI ANCHE>>>Pelé, Baggio, Beckham: all’asta per beneficenza i ricordi dei fuoriclasse

Pelè
Pelè ai Mondiali del 1970 in Messico (Getty Images)

Pelè, l’entourage conferma il ricovero ma senza aggiungere altri dettagli

L’entourage di Pelè, insieme ai medici dell’ospedale Albert Einstein, ne hanno confermato il ricovero in terapia intensiva ma senza aggiungere altri particolari per ovvie ragioni di privacy. Il ritorno del campione brasiliano in terapia intensiva è comunque un fulmine a ciel sereno: pochi giorni fa le sue condizioni erano talmente migliorate che O’Rei aveva persino pubblicato un post sui proprio canali social, dicendosi disposto “a giocare novanta minuti, più eventuale recupero“. “Staremo insieme presto“, aveva poi concluso. Va ricordato che i primi di settembre Pelè era stato operato per rimuovere un tumore al colon.