Juventus-Milan, Pioli trema: un big è a forte rischio, pronto il cambio

259

Juventus-Milan, Pioli trema: un big è a forte rischio e la decisione sarà presa solo all’ultimo, ma è già pronto il cambio

Juventus-Milan, problemi per Pioli (Getty Images)

Non fare rimpiangere chi l’ha preceduto, anche se parliamo di un top a livello mondiale. Impresa non facile, ma in realtà sono bastate poche partite ufficiali a Mike Maignan per dimostrare di essere il degno erede di Gigio Donnarumma, un altro portiere che nel Milan può aprire un ciclo.

Solo che, dopo la sfortunata prova di Liverpool mercoledì sera in Champions League, ora il numero uno rischia di dare forfait per Juventus-Milan, la partita più attesa della 4^ di serie A. Le ultime in arrivo da Milanello non sono buone: il portierone ha problemi alla mano nati dopo la doppia parata sul rigore di Salah e sulla ribattuta di Jota.

A Liverpool ha stretto i denti e tenuto duro, ma nei giorni successivi il dolore non è passato. Così, se non dovesse farcela o fosse comunque consigliato a fermarsi, Stefano Pioli dovrà puntare sul piano B e sull’usato sicuro che nel Milan si chiama Tatarusanu. Un portiere di esperienza che però non è Maignan.

Mike Maignan (Getty Images)

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Roma, forfait dell’ultima ora: Mourinho perde due big per Verona

Juventus-Milan, Pioli trema: le scelte obbligate del tecnico rossonero in piena emergenza infortuni

L’eventuale assenza di Maignan però non sarà l’unica in casa Milan. Sicuramente fuori Davide Calabria che lamenta una elongazione ai muscoli flessori della coscia destra, E con Florenzi non ancora al meglio della condizione, la soluzione più logica sembra quella di spostare a destra l’affidabile Tomori, che ha il fisico anche per giocare in fascia. A quel punto, Romagnoli farà coppia in mezzo con Kjaer.

Stefano Pioli (Getty Images)

In mediana mancheranno sia Bakayoko che Krunic, anche loro alle prese con problemi fisici, mentre altri problemi grossi Pioli li ha davanti. Ibrahimovic e Giroud sono alle prese con una sofferenza al tendine d’Achille e una lombalgia acuta, quindi mancheranno. Per questo, in avanti toccherà al solo Rebic.