Pallavolo, Europeo Maschile: altra pastasciutta… Italia campione!

318

Ancora una grande impresa dello sport azzurro, l’Italia della pallavolo maschile di  Fefé de Giorgi conquistano il titolo europeo di pallavolo maschile piegando al tie-break una tostissima Slovenia

Pallavolo Italia
L’Italia in semifinale all’Europeo di Pallavolo (Foto CEV)

Non svegliateci. L’anno d’oro dello sport italiano prosegue. E dopo l’oro di Ganna al mondiale di ciclismo nella prova a cronometro, dopo l’oro della nazionale femminile di pallavolo in Serbia, arriva anche l’oro della squadra maschile che torna a vincere l’Europeo dopo due finali perse e sedici anni di attesa. Italia-Slovenia 3-2 (22-25, 25-20, 20-25, 25-20, 25-11).

Pallavolo, Italia campione d’Europa

É stata una partita vera, sofferta, difficilissima contro una squadra solida e bene allenata con tante individualità ben note al pubblico italiano. La Slovenia, vice campione già due anni fa, forse era addirittura cresciuta rispetto alla finale persa due anni fa contro la Serbia. E l’Italia ha dovuto davvero faticare tanto, pagando qualcosa alla propria giovane età e inesperienza per incassare soprattutto grazie a umiltà, dedizione e spirito di sacrificio.

Scelte perfette quelle di De Giorgi in panchina che punta tutto sul gruppo e sull’incoscienza di alcuni giovanissimi come Ricci o Romanò che entrano nel momento più difficile e alzano la voce, portando tutta la squadra ad un alto livello.

LEGGI ANCHE > Pallavolo Europei Femminili, capolavoro! Italia campione: Serbia domata

Italia Pallavolo
Per L’Italia è il settimo titolo europeo (Foto CEV)

Tie-break da paura

Con la Slovenia che parte forte l’Italia accusa la prima difficoltà e deve riassestarsi. Ma reagisce. Rimonta due volte la squadra azzurra, dopo il primo e dopo il terzo set con un finale di quarto set rabbioso. Ma il vero capolavoro è il tie-break che vede l’Italia presentarsi al cambio campo dopo un break e alzare il proprio livello su un piano troppo alto persino per i più esperti sloveni. Michieletto infila un ace che vale oro e gli avversari rimangono a guardare il crescendo finale degli azzurri che esplodono in un pianto dirotto di gioia e di liberazione.

LEGGI ANCHE > Pallavolo a Fumetti con Simone Giannelli e il manuale di BeccoGiallo

I ragazzi straordinari

Una squadra giovane, otto esordienti, con tanti giocatori alla primissima esperienza consegnati da Julio Velasco, tecnico delle giovanili, a un CT esordiente come De Giorgi. Una squadra che in pochissimo tempo si è trovata, compattata e dimostrata più forte delle pressioni, delle responsabilità e della delusione di una Olimpiade che aveva visto l’Italia eliminata fin dai quarti di finale. Non era mai accaduto che l’Italia portasse a casa entrambi i titoli dell’europeo di pallavolo, maschile e femminile.

Un grande segnale nei confronti di uno sport che in Italia resta uno degli sport di base e di massa e che arriva da due anni drammatici, organizzativamente ed economicamente.

Onore al merito alla Slovenia, per la terza volta argento europeo e sempre con tecnici italiani: una volta con Andrea Giani e due con Alberto Giuliani.

Al terzo posto la Polonia, padrona di casa, che di fronte a un pubblico straordinario ha conquistato la medaglia di bronzo battendo la Serbia 3-0 (25-22, 25-16, 25-22).

Slovenia-Italia 2-3 (25-22, 20-25, 25-20, 20-25, 12-15)
Slovenia: Stern T. 14, Pajenk 16, Kozamernik 8, Sket 1, Vincic, Stalekar, Klobucar, Kovacic (L), Ropret 3, Urnaut 10, Cebulj 14, Mozic. Non entrati: Stern Z. (L), Videcnik. Allenatore Alberto Giuliani.
Italia: Giannelli 3, Balaso (L), Galassi 6, Romanò 11, Anzani 9, Michieletto 17, Lavia 21, Piccinelli (L), Ricci 2, Pinali 12, Recine. Non entrati: Sbertoli, Cortesia, Bottolo. Allenatore Ferdinando De Giorgi.