Tony Cairoli, caduta rovinosa e ospedale: le sue condizioni – VIDEO

535

Molta preoccupazione per le condizioni di Tony Cairoli a causa di una brutta caduta nelle qualificazioni del GP di Sardegna di motocross

Tony Cairoli
Brutta caduta per Cairoli in Sardegna (Getty Images)

Le immagini sono preoccupanti, e anche l’immagine di Tony Cairoli a terra e vistosamente dolorante sono state motivo di agitazione per tutto il suo staff e i suoi fan.

Tony Cairoli, brutta caduta

Ma alla fine il bilancio della rovinosa caduta di Cairoli nel corso delle qualifiche del gran premio di Sardegna non sembra essere drammatico. Cairoli, 36 anni tra pochi giorni, nove titoli mondiali tra MX2, MX1 e MXGP, è rimasto a terra per alcuni minuti con la sua KTM completamente distrutta poco più avanti, spinta ai bordi della pista in terra battuta dall’inerzia del volo. La dinamica dell’incidente è abbastanza semplice: Cairoli è uscito con molta spinta da un salto, si è sbilanciato e ha perso il controllo della sua moto nella fase di landing. L’impressione è stata quella di un violento urto a terra.

LEGGI ANCHE > MotoGP Misano, vince Bagnaia, seconda vittoria di fila: un grande!

Ospedale e controlli

Trasportato in ospedale Cairoli è stato sottoposto a una TAC e ad alcune radiografie che hanno escluso possibili fratture. Ma il pilota siciliano era notevolmente dolorante. La gara di Riola Sardo per lui è sfumata, così come i punti in palio che avrebbero potuto garantirgli una ulteriore spinta verso il titolo mondiale per il quale Cairoli era ancora in corsa. Un’impresa che a questo punto diventa molto difficile da conseguire.

Tony Cairoli questa settimana aveva annunciato il suo addio alle competizioni alla fine di questa stagione. Sui suoi account ufficiali sono arrivati migliaia di messaggi di affetto e di incoraggiamento da parte di amici, colleghi, avversari e fan.

Le immagini dei primi soccorsi a Cairoli

Questo il post con il quale Cairoli ha dichiarato il suo addio alle corse

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tony Cairoli (@antoniocairoli)