Valentino Rossi, la strana sensazione di Andrea Dovizioso: fan sorpresi

585

Valentino Rossi, la strana sensazione di Andrea Dovizioso: fan sorpresi. Il neo pilota della Yamaha ha espresso un giudizio sul ‘Dottore’

Valentino Rossi e Dovizioso
Valentino Rossi e Andrea Dovizioso (Foto: Getty)

E’ appena tornato in MotoGP è ha già le idee molto chiare. Andrea Dovizioso si è rituffato in pista dopo meno di un anno di stop e ha dovuto fare i conti con un risultato non di certo esaltante nel Gran Premio di Misano. Il forlivese è arrivato ultimo, alle spalle di Valentino Rossi (17°) e con un distacco in termini di prestazione che potrebbe anche preoccuparlo. La Yamaha Petronas sembra al momento la moto meno performante e all’orizzonte non si vedono grossi sviluppi. Per ora il Dovi cerca solo di imparare al meglio i segreti del mezzo che ha a disposizione, in attesa di accrescere la confidenza. Il suo contratto comprende anche la stagione 2022, in cui dovrebbe far coppia con il giovane Darryn Binder (fratello del Brad della Ktm), diventando la prima guida del Team SRT.

LEGGI ANCHE >>> MotoGp, Pecco Bagnaia su di giri: così vuole vincere il mondiale

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi, un ex fenomeno lo celebra: “Il più carismatico della storia”

Valentino Rossi, la strana sensazione di Andrea Dovizioso: “Non si arrabbia più come prima”

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso in Yamaha (Foto: Getty)

Dividere il box con Valentino, una cosa che non gli era mai capitata prima in carriera, è comunque un’esperienza esaltante per Dovizioso, da sempre individuato come suo possibile erede. Proprio in riferimento all’atteggiamento attuale del ‘Dottore‘, l’ex pilota della Ducati ha svelato un particolare interessante.

“Si vede che non è più arrabbiato quando non arrivavano i risultati. È un Vale un po’ diverso da quello che abbiamo conosciuto“.

Insomma il ritiro ormai alle porte ha ‘ammorbidito‘ quella voglia di vincere a tutti i costi che ha sempre caratterizzato il #46. Sempre alla Gazzetta dello Sport Dovi ha poi aggiunto: “Sono consapevole che i risultati potrebbero non arrivare, ma è una storia ancora tutta da scrivere. Yamaha non è la moto giusta per il mio stile, ma l’adattamento dipende da me“. L’obiettivo è crescere in queste ultime gare prima di tornare competitivi nel 2022. Tutti i tifosi sperano che possa farcela.