Formula 1, Max Verstappen allo scoperto: “Faccio il tifo per lui”

267

Formula, 1, Max Verstappen allo scoperto: “Faccio il tifo per lui”. Interessante rivelazione alla vigilia del Gran Premio di Turchia

(Getty Images)

Un testa a testa appassionante, come mai avevamo visto nelle ultime stagioni del Mondiale di Formula 1. Il finale è tutto da scrivere, ma intanto domenica a Istanbul è in programma una nuova tappa della sfida tra Max Verstappen e Lewis Hamilton.

Il campione olandese è arrivato in Turchia molto sereno, anche perché sa di avere dalla sua un motore nuovo in questo finale di stagione. Ma tra le domande che i giornalisti gli hanno rivolto alla vigilia delle Prime Libere ce n’è stata una particolare: per chi farebbe il tifo dei suoi colleghi se non gareggiasse contro di lui? “Credo che farei il tifo per Fernando Alonso. Mi piace il suo stile”.

Un apprezzamento che il 40enne pilota asturiano ha dimostrato di gradire: “Mi fa piacere che Max abbia detto così. Come ho detto in diverse occasioni Verstappen era il motivo per il quale accendevo la tv durante il biennio nel quale non sono stato impegnato in Formula 1”. E gli ha consigliato di continuare a ragionare così, gran premio dopo gran premio per meglio reggere la pressione.

La Alpine di Alonso
Fernando Alonso con la Alpine (Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> F1, assenza al Gp della Turchia per la Ferrari: il motivo

Formula 1, Max Verstappen allo scoperto: i suoi piani da qui alla fine della stagione

Max Verstappen farà la sua corsa senza pensare al rivale, anche se pure Hamilton a Istanbul potrebbe montare una nuova power unit, partendo quindi dal fondo della griglia. “Ma in realtà non sono concentrato sul motore di Hamilton – ha detto l’olandese – e se dovessi concludere la stagione al secondo posto la mia vita non cambierebbe”.

Verstappen Hamilton
Hamilton e Verstappen in un duello in pista (Getty Images)

Da qui alla fine della stagione sarà un tour de force incredibile ma lui non ci vuole pensare: “Io e la squadra siamo  impegnati per offrire il massimo di noi stessi, ma sappiamo che potrebbe non bastare per vincere. Quindi non è necessario caricarsi di inutile stress, sono veramente soddisfatto di questo momento della mia carriera”.