Michael Schumacher, un campione del mondo commuove tutti: il paragone da brividi

150

Michael Schumacher, un campione del mondo commuove tutti: il paragone da brividi. Il fenomeno tedesco è sempre nel cuore dei tifosi di Formula 1

Mick Schumacher
Mick Schumacher alla guida della Ferrari del padre Michael (Foto: Getty)

Lui era una giovane promessa e Schumacher il campione affermato da battere. Fernando Alonso rimarrà per sempre il pilota che ha interrotto l’egemonia del ‘Kaiser’ in Formula 1. Dopo i 5 Mondiali consecutivi portati a casa tra il 2000 e il 2004, il tedesco sembrava davvero imbattibile. Eppure il giovane spagnolo (all’epoca 24enne) riuscì a scalfire le sicurezze del Cavallino Rampante e grazie ad un’ottima Renault (capitanata da Flavio Briatore) ha centrato una storica doppietta (2005-2006). Nonostante il grande talento e le scuderie in cui è transitato, Alonso non è più stato in grado di centrare l’iride negli ultimi 15 anni. Il suo ritorno con l’Alpine sta procedendo in modo discreto, con alcuni piazzamenti a punti e qualche sorpasso da vecchio campione. In Turchia non è apparso brillantissimo in gara, dopo aver centrato invece un grande quinto posto in qualifica. La direzione di corsa gli ha inflitto anche una penalità di 5 secondi per aver speronato Mick Schumacher con la Haas.

LEGGI ANCHE >>> Michael Schumacher, un campione svela il suo dolore: “L’ho visto piangere”

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi addio, confessione a sorpresa: “Sono in paranoia”

Michael Schumacher, Fernando Alonso commuove tutti: il paragone con Mick è da brividi

Fernando Alonso
Fernando Alonso (Foto: Getty)

Dopo il GP Fernando si è voluto immediatamente scusare con il collega e ha dichiarato.

Ovviamente accetto la penalità e mi scuso per la collisione“.

Parlando poi del figlio di Michael, l’asturiano non ha potuto esimersi dal ricordare i grandi duelli avuti in passato con il padre, facendo anche un paragone da brividi.

È veramente qualcosa di speciale averlo in Formula 1 – ha sottolineato riferendosi a Mickmi ricorda molto suo padre: il linguaggio del corpo, le sue espressioni, quasi tutto. Ha anche le stesse lettere sul monitor dei tempi. Lo trovo molto commovente. Mi piace molto, mi piace il suo stile e mi piace che sia in F1. Sarebbe bello vederlo presto al volante di una vettura più competitiva”.

Poi sempre sullo Schumacher senior ha aggiunto: “Ho imparato soprattutto una cosa da lui: non mollare mai. Michael è sempre stato molto carino con me, ed avevamo un gran rispetto reciproco. Mi ha sempre fatto pensare che avrebbe desiderato il mio successo, e che avrei dovuto godermi le vittorie del mondiale”.