Morte Kobe Bryant, il drammatico retroscena della vedova: “L’ho saputo dai social”

305

Morte Kobe Bryant, il drammatico retroscena della vedova: “L’ho saputo dai social”. Vanessa svela alcuni particolari inediti sulla tragedia

Vanessa Bryant (Getty Images)

Il 26 gennaio 2020 è cambiato tutto, nella vita dei Lakers, dei tifosi ma soprattutto di Vanessa Bryant. L’incidente mortale che è costato la vita a Kobe Bryant, a sua figlia Gianna e ad altre sette persone compreso il pilota dell’elicottero non ha ancora un colpevole.

Ma dalle udienze al tribunale di Los Angeles emergono nuovi particolari drammatici su quella giornata. A raccontarla, la stessa Vanessa in tribunale, come riferisce ‘USA Today’. Era a casa con le altre due figlie quando un suo assistente la avvisò dell’incidente, dicendo che però pareva ci fossero sopravvissuti

Aveva provato a raggiungere il luogo dell’incidente senza riuscire e quindi era andata  alla stazione dello sceriffo di Malibu insieme a Rob Pelinka, gm dei Los Angeles Lakers. “Ero al telefono, stavo cercando di chiamare mio marito. E poi sono arrivate tutte queste notifiche via social che dicevano: ‘RIP Kobe. RIP Kobe. RIP Kobe’. La mia vita non sarà mai la stessa senza mio marito e mia figlia”.

I resti dell’incidente (Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Basket, tragedia in Italia: giocatore muore dopo un malore in partita

Morte Kobe Bryant, la vedova si scaglia contro chi ha avuto poco rispetto

Vanessa Bryant avrebbe anche chiesto direttamente allo sceriffo Alex Villanueva di mettere l’area in sicurezza e che non fossero scattate foto alle vittime: “Se non può restituirmi mio marito sano e salvo, allora per favore che nessuno scatti foto delle vittime’. Mi disse che lo avrebbero fatto. Nessuno dovrebbe mai sopportare il dolore che sto provando io. Non è giusto che le foto dei resti siano state diffuse””.

(Getty Images)

La vedova di Kobe non capisce come le persone possano avere così poco rispetto di una tragedia, così poca compassione, solo per condividere ricordi sui social. “Hanno scelto quell’occasione per fotografare individui senza vita e senza aiuto per il loro divertimento malato” ha detto Vanessa al ‘New York Times’.