Formula 1, l’accordo è ufficiale: Gran Premio confermato fino al 2025

229

Formula 1, l’accordo è ufficiale: Gran Premio confermato fino al 2025. Nonostante la pandemia da Covid, l’intesa è stata prolungata di quattro anni

Formula 1
Formula 1 (Getty Images)

Di fronte agli affari di ampio respiro non c’è pandemia o coronavirus che tengano. La Formula 1 resterà in Cina per altri quattro anni. Poche ore fa è stato infatti annunciato l’accordo definitivo con il Dragone: il Circus delle quattro ruote correrà sul circuito di Shangai per altri quattro anni, fino al 2025 compreso. E questo nonostante il Gran Premio cinese non si sia corso negli ultimi due anni nè si correrà nel 2022. L’accordo tra la Formula 1 e la Cina è stata comunque salutata dai diretti interessati come un accordo imprescindibile per il futuro della competizione mondiale.

LEGGI ANCHE>>>Formula 1, la rivoluzione è vicina: sta per succedere, fan scatenati

LEGGI ANCHE>>>Formula 1, svolta epocale nei box: “Hanno già venduto tutto”

Immediatamente dopo la firma sui contratti, è stato dato alle stampe il comunicato ufficiale del Circus diffuso attraverso i social: “Formula 1 è felicissima di annunciare l’estensione del contratto con il Gran Premio della Cina fino al 2025. Benché non sia stato possibile includere la Cina nel calendario del 2022 a causa della pandemia in corso, siamo molto contenti di questo nuovo accordo che assicura ai fans cinesi di avere la loro gara di Formula 1 nei prossimi anni, fino alla stagione 2025″.

LEGGI ANCHE>>>Formula 1, Domenicali annuncia la rivoluzione: l’idea innovativa

Briatore Domenicali
Briatore e Domenicali ai tempi di Ferrari e Renault (Foto: Getty)

Formula 1, l’entusiasmo del presidente Domenicali: “E’ una grande notizia”

A dir poco entusiasta il commento di Stefano Domenicali, ex team principal della Ferrari e attuale presidente e CEO della Formula 1: “Questa è una grande notizia per tutti i nostri fan in Cina, siamo felici di annunciare questo accordo che ci vedrà correre a Shanghai fino al 2025. La nostra collaborazione con il promoter Juss Sports è molto forte – ha proseguito Domenicali – e non vediamo l’ora di proseguirla. Benché siamo tutti dispiaciuti di non avere un Gran Premio in questo paese nemmeno nel 2022, la Cina sarà reintrodotta nel calendario non appena le condizioni lo permetteranno: non vediamo l’ora di tornare a correre davanti a questo pubblico appena possibile”.