Ibrahimovic, l’attacco di un ex Milan: “Deve stare zitto!”

556

Ibrahimovic, l’attacco di un ex Milan: “Deve stare zitto”. Una frase del libro del fuoriclasse svedese scatena la reazione di un noto dirigente

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Lapresse)

Zlatan Ibrahimovic ha da poco pubblicato un libro che ripercorre alcune tappe salienti della sua vita e della sua carriera. ‘Adrenalina‘ è il titolo scelto dal fuoriclasse svedese che ha individuato proprio in questo particolare neurotrasmettitore il segreto della sua longevità agonistica. E che lo ha spinto fin da bambino a voler spingersi oltre i propri limiti. Ma tra i vari temi affrontati dal quarantenne centravanti del Milan c’è anche un argomento sensibile, che ha provocato la reazione decisamente stizzita di un ex calciatore e allenatore rossonero.

LEGGI ANCHE>>>Zlatan Ibrahimovic incontra Papa Francesco: i retroscena dell’incontro

LEGGI ANCHE>>>Ibrahimovic, una serata da dimenticare: il record mancato dall’attaccante

Ibrahimovic, nel ricordare i quattro anni trascorsi a Parigi con la maglia del Paris Saint Germain, nel suo nuovo libro ha rivelato un clamoroso retroscena finora rimasto inedito: l’estate scorsa lo svedese si era offerto alla proprietà qatariota del club parigino ma non per indossare calzoncini e scarpini: “Era l’estate del 2021 e in quel periodo mi sono proposto al Psg non come calciatore, ma come direttore sportivo. Ho chiamato il presidente Nasser Al-Khelaifi e gli ho detto molto chiaramente: ‘Se non rinnovo il contratto con il Milan verrò al Psg e ripristinerò l’ordine nella tua squadra’. Lui ha sorriso, ma non ha detto di no”.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Inter, il PSG ci prova per un top player: l’offerta di Leonardo

Leonardo
Il direttore generale del Psg Leonardo (Lapresse)

Ibrahimovic, la replica stizzita di Leonardo: “Lui direttore sportivo del Psg? Il silenzio è la risposta più giusta”

Un’auto candidtura in piena regola che l’attuale direttore generale del Psg, il brasiliano Leonardo, non ha digerito affatto. “Dico che è fastidioso, ma questo non cambia nulla. Ho 52 anni, posso leggere e capire le intenzioni di Zlatan – la replica stizzita dell’ex giocatore e allenatore del Milan -. Lo conosco bene e non sono il tipo che va dalla stampa a rispondergli. Non voglio rispondergli. Si è proposto come direttore sportivo del Psg? Il silenzio è la risposta migliore”.