Serie A, esonero ad un passo: c’è il clamoroso ritorno

291

In Serie A c’è chi non potrebbe “mangiare il panettone”: in caso di esonero è pronto un ritorno eccellente in panchina

Panchina Serie A
Lapresse

Più di una volta nel nostro lessico sportivo abbiamo usato l’espressione “mangiare il panettone”. Mai come oggi questa frase è d’obbligo, visto che stando alle ultime notizie che arrivano da La Spezia la società avrebbe deciso di esonerare Thiago Motta.

I rapporti tra l’italo-brasiliano e la nuova società statunitense non sono mai decollati, i risultati in campionato sono deludenti e anche la squadra non sembra del tutto seguire il suo allenatore. I dirigenti hanno dunque preso questa decisione e, a quanto pare, non cambieranno idea nemmeno in caso di una clamorosa vittoria in trasferta a Napoli.

Thiago Motta è un allenatore a termine, in pratica, e non è stato ancora esonerato soltanto perchè sul suo contratto c’è una clausola di 400mila euro che lo Spezia dovrebbe pagare nel caso lui andasse via prima di dicembre. Nel frattempo già si parla dei possibili sostituti.

LEGGI ANCHE: Serie A, dramma Salernitana: si chiude oggi il suo campionato?

Serie A, al posto di Thiago Motta ipotesi Giampaolo: ma in estate aveva detto “no”

Marco Giampaolo
Lapresse

I Platek hanno cominciato a guardarsi attorno già qualche settimana fa, individuando come possibili sostituti di Motta i vari MaranVenturato e Nicola. Il vero obiettivo della dirigenza, però, è quello di portare in Liguria Marco Giampaolo.

L’ex allenatore di Milan e Torino, ancora sotto contratto con il Toro, rappresenta il profilo ideale per la nuova proprietà. Già in estate c’erano stati parecchi contatti tra le parti, ma alla fine Giampaolo aveva declinato l’offerta. I dubbi erano legati alla particolare situazione del mercato, che sarà bloccato per le prossime 4 sessioni.

LEGGI ANCHE: Allo stadio tutti con il tampone? Arriva la risposta di Valentina Vezzali

Da quel momento in poi nulla è cambiato, ma Giampaolo potrebbe essere allettato dal fatto di non avere offerte migliori al momento e dalla volontà di rimettersi in panchina. Nel caso di un secondo rifiuto, allora si penserebbe a qualcun altro.