Calciomercato Inter, un big non rinnova? Già pronto il sostituto

174

Calciomercato Inter, un big non rinnova? Già pronto il sostituto. Narotta e Ausilio si stanno muovendo per evitare tutti i problemi

Il girone d’andata ha detto che l’Inter nonostante alcune partenze estive importanti come quelle di Antonio Conte e Romelu Lukaku, è ancora competitiva. La cura Inzaghi a Milano sta funzionando come dimostrano il primo posto in classifica e la qualificazione agli Ottavi in Champions ma nonostante questo alcuni rinnovi preoccupano.

Ivan Perisic (ANSA)

Al momento il caso più delicato sembra quello relativo al futuro di Ivan Perisic che contrariamente al suo connazionale Brozovic è lontano da un accordo con il club. Il piano dell’Inter per gennaio era quello di trovare un suo ricambio, anche perché Dimarco nella testa di Simone Inzaghi è più un terzo di difesa che un laterale di centrocampo.

Ma al momento nessuno può escludere il fatto che l’Inter punti su un giocatore più pronto a fare il titolare sia in campionato che in Champions. E nelle ultime ore stanno crescendo le quotazioni di Ramy Bensebaini, esterno algerino del Borussia Mönchengladbach.

Ramy Bensebaini (ANSA)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lazio-Empoli 3-3, Highlights, Voti, Tabellino: aggrappati a Milinkovic Savic

Calciomercato Inter, un big non rinnova? Due nomi caldi sul taccuino di Beppe Marotta

Il 26enne laterale mancino da tempo è uno dei nomi in cima alla lista della  dirigenza nerazzurra anche perché ha convinto tutte le volte in cui è stato visionato. Contrariamente ad altri compagni che piacciono all’Inter, come Thuram e Ginter, ha ancora un contratto lungo e il club tedesco chiede non meno di 20 milioni. Ma l’Inter ha necessità di tappare in fretta il buco e si muoverà presto.

Verona Roma
Mkhitaryan affronta Barak (Getty Images)

Un altro nome caldo a sinistra è quello di Antonin Barak, autore di una grande stagione con Juric al Verona lo scorso campionato e di nuovo tra i migliori anche con Tudor. Anche il centrocampista céco è valutato 20 milioni di euro e soprattutto c’è una lunga fila di pretendenti che comprende in Italia anche il Milan. Ma l’Inter medita come portarsi in vantaggio.