Futuro Juventus, torna una leggenda: i tifosi non stanno nella pelle

286

Futuro Juventus, torna una leggenda: i tifosi non stanno nella pelle. Non c’è solo il mercato dei calciatori nelle prossime mosse del club

Da quando Gianpiero Boniperti non è più stato il numero uno della Juventus, una figura come la sua nel club non è nemmeno più esistita, delegando tutto alla famiglia Agnelli. ma ora i tempi per un clamoroso ritorno e una rivoluzione epocale sembra maturo.

Alex Del Piero all’Allianz Stadium (ANSA)

Perché la visita di Alex Del Piero sabato scorso all’Allianz Stadium, con l’ovazione di tutto il pubblico che ha preferito ricordare il passato dimenticando il presente, sembra un segnale. Così lo ha interpretato il ‘Corriere della Sera’ che oggi tra le righe lancia la candidatura dell’ex capitano come presidente. L’unico che ha conosciuto bene cosa vuol dire vincere tanto, compresa una Champions League, in campo e ora può farlo anche fuori.

Lo dice apertamente pure Marco Tarelli intervistato da ‘La Gazzetta dello Sport’: “Del Piero alla Boniperti? Sarebbe bellissimo, ma le cose sono cambiate e oggi la Juventus è una multinazionale. Bisogna studiare, imparare e prepararsi. Non ci si improvvisa Boniperti in un giorno”.

Futuro Juventus, torna una leggenda: tutte le mosse della società per il rilancio

Una multinazionale, certo, ma l’anima è torinese perché Exor e la famiglia Agnelli sono ancora fortemente gli azionisti numero uno della Juventus. E visto che decide John Elkann, il destino di Andrea Agnelli resta appesi ad un filo.la suggestione legata a Lapo Elkann come presidente rimarrà tale. Quella invece che porta a Del Piero è una pista concretissima, che darebbe anche un nuovo slancio internazionale alla società.

Andrea Agnelli e Alex Del Piero, due che non andrebbero mai in vacanza insieme per non fare tanti giri di parole. E se veramente la proprietà dovesse decidere per un cambio di rotta, oltre all’attuale presidente rischia grosso anche Pavel Nedved che è uomo fisato di Agnelli.

Alex Del Piero è pronto? (ANSA)

Poi però c’è Massimiliano Allegri che ha un contratto blindato fino al 2025 da 7 milioni di euro. Vincere la Coppa Italia, ultimo obiettivo rimasto alla Juventus insieme al quarto posto in campionato per non guardare la Champions League in tv, potrebbe non bastare. Perché i tifosi hanno messo nel mirino il tecnico da tempo e gli chiedono un cambio di rotta. O in alternativa, di farsi da parte.