“Sarà spostato a breve”, Stefano Tacconi: le parole fanno esultare i tifosi

409

“Sarà spostato a breve”, Stefano Tacconi: le parole fanno esultare i tifosi. Il 65enne ex portiere della Juventus è ricoverato all’ospedale di Alessandria dal 23 aprile

E’ trascorso ormai quasi un mese da quel maledetto sabato 23 aprile, il pomeriggio in cui la vita della famiglia Tacconi si è improvvisamente fermata. Da quando cioè Stefano Tacconi, ex portiere della Juventus e della Nazionale italiana, è stato ricoverato d’urgenza a causa di una gravissima emorragia cerebrale, la rottura di un’aneurisma che ha fatto a lungo temere il peggio.

I primi giorni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Alessandria sono stati i più duri, quelli in cui l’ex numero uno perugino ha lottato con tutte le sue forze per rimanere aggrappato alla vita circondato dall’amore della sua famiglia e dei suoi figli che non l’hanno perso di vista un solo istante.

Tacconi
Stefano Tacconi (Ansa)

La moglie Laura e in particolare il primogenito, Andrea, si sono assunti il compito di informare costantemente amici, conoscenti e semplici tifosi sulle condizioni di papà Stefano. E forse anche grazie alla tempesta di affetto che lo ha dolcemente investito fin dall’inizio di questa drammatica vicenda, Stefano Tacconi sembra aver superato il momento peggiore, quello più rischioso per la sua vita.

Qualche giorno fa il bollettino emesso dal responsabile del reparto di neurologia dell’ospedale di Alessandria, il dottor Barbanera, ha ufficializzato la positiva evoluzione del quadro clinico di Tacconi e preannunciato una sua imminente uscita dal reparto di terapia intensiva.

Stefano Tacconi, torna la speranza: “Sarà spostato dalla terapia intensiva”

Tacconi
Stefano Tacconi (Instagram)

Una condizione in netto miglioramento che ha trovato piena conferma nelle richiarazioni che il figlio Andrea ha rilasciato poche ore fa: “Dopo aver sconfitto un’altra febbre, probabilmente in giornata uscirà dalla terapia intensiva e verrà spostato in un nuovo reparto”.

E questa è la splendida notizia che tutti i fan di Stefano Tacconi attendevano con ansia: l’ex numero uno della Juventus può essere considerato quasi fuori pericolo. Il ‘quasi’ è necessario in quanto le conseguenze di un’emorragia cerebrale, purtroppo, restano imprevedibili anche a distanza di parecchie settimane dal momento in cui si è verificata.

Resta il fatto che dopo il cupo pessimisimo dei primi giorni, quando Tacconi era seriamente in pericolo di vita, lo scenario è cambiato radicalmente. Per fortuna, in meglio.