Matteo Berrettini come Federica Pellegrini: è pronto per una nuova carriera

335

Matteo Berrettini come Federica Pellegrini: è pronto per una nuova carriera. In attesa di ritrovare il campo, ecco dove lo possiamo vedere

Non è una consolazione assoluta, perché lui in questi giorni avrebbe voluto farsi ammirare dal pubblico italiano per le sue giocate a Wimbledon. E invece da domenica abbiamo cominciato a vedere Matteo Berrettini in televisione e sui social in una veste diversa da quella abituale.

Matteo Berrettini (ANSA)

Non è la prima volta che il tennista romano è protagonista di uno spot celebre. Ma è la prima volta che possiamo paragonarlo ad altri sportivi famosi, come Gigi Buffon e Federica Pellegrini. Perché anche loro sono stati e sono ancora testimonial per la Procter&Gamble e in particolare per gli shampoo della Head&Shoulders.

C’è Berrettini, ci sono anche The Jackal (in particolare Ciro Priello e Aurora Leone) e c’è una partita quasi impossibile. Negli spogliatoi, il tema è caro a moti italiani: “Matteo, non pensavo avessi la forfora”, gli dicono. “Infatti non ce l’ho, perché la prevengo!”, risponde lui che non avrà un futuro della carriera a Broadway ma come testimonial funziona moto bene.

“Se c’è qualcosa che il tennis mi ha insegnato è proprio questo: mai arrendersi, dare sempre il meglio, essere chi si è con onestà e trasparenza, cercando sempre il modo migliore per raggiungere i propri obiettivi. Non solo nello sport, ma in ogni situazione della vita, soprattutto quelle quotidiane”, commenta Berrettini presentando lo spot.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matteo Berrettini (@matberrettini)

Matteo Berrettini come Federica Pellegrini: il curioso retroscena su Wimbledon raccontato da Garin

Una bella consolazione, anche pecuniaria, pensando a quello che il Covid gli ha tolto negli ultimi giorni. Vedendo come sta andando il torneo di Wimbledon, soprattutto dalla sua parte del tabellone, crescono ancora di più i rimpianti per quello che avrebbe potuto essere e invece non sarà.

Il primo a saperlo è Cristian Garin, il cileno che doveva essere suo avversario nel primo turno sull’erba londinese e invece si è ritrovato ad affrontare lo svedese Ymer. Merito anche suo, è arrivato fino ai quarti di finale nei quali incontrerà Nick Kyrgios con la prospettiva di trovare Nadal in semifinale.

Berrettini
Matteo Berrettini (Ansa)

A Ubaldo Scanagatta però ha confessato che “ero furioso. Wimbledon è il mio torneo preferito. Questa è la quinta volta che vengo a Wimbledon e lo scorso anno avevo raggiunto gli ottavi. Ma Djokovic e Berrettini per me erano i giocatori più forti e favoriti a Wimbledon quest’anno e essere stato sorteggiato proprio contro Matteo al primo turno mi sembrava proprio sfortuna. Ero proprio arrabbiato”. Poi ci ha pensato il caso.