Tour de France, ritiro eccellente alla corsa in giallo: è crollato

338

Con il Tour de France che entra nel vivo si registra un altro ritiro eccellente su una delle salite più dure

La tappa di oggi, l’11esima del Tour de France, era considerata una delle più dure in assoluto della corsa in giallo fino a oggi dominata da Tadej Pogacar.

Tour de France
(AP LaPresse)

Tre salite durissime in un crescendo estenuante. Col du Telegraphe, il Galibier – il punto più alto del Tour – e per chiudere la mastodontica ascesa al Col du Granon. Salite che si stanno rivelando decisive.

Tour de France, Van der Poel si ritira

Tadej Pogacar sta facendo una corsa a sé, mantenendosi in un ruolo da grandissimo protagonista al vertice della corsa, sempre all’attacco e a strettissimo contatto con il danese Vingegaard, anche quest’anno il suo grande avversario. Ma un altro dei grandi protagonisti ha deciso di ritirarsi: Mathieu Van Der Poel, alle prese con diverse difficoltà di carattere fisico, ha deciso di ritirarsi dopo un avvio di tappa per la verità piuttosto vivace.

Si arrende in salita

Tour de France Van der Poel
Van der Poel, si ritira nell’11esima tappa del Tour (AP LaPresse)

In una delle tappe più dure in assoluto del giro, che tra oggi e domani scalerà le principali vette alpine, con une ascese agli oltre 2600 metri del Galibier, una oggi e una domani, Van der Poel era partito in condizioni non buone.

Tuttavia almeno nei primi chilometri l’olandese era sembrato particolarmente reattivo e aggressivo andando addirittura all’attacco nei primi chilometri della frazioneinsieme a Wout van Aert – una delle prime maglie gialle di questa edizione – ,  suo vecchio rivale nei circuiti di ciclocross. Alla prima fuga di giornata Van der Poel è andato completamente in tilt, la sua pedalata si è fatta pesantissima, poi lenta. E prima ancora di scollinare il Col du Telegraphe, il primo traguardo di montagna di giornata, VDP ha alzato bandiera bianca. Ha contattato il direttore della sua squadra via radio, si è avvicinato per un istante alla sua ammiraglia ed è sceso dalla bicicletta ritirandosi definitivamente dalla corsa.

Già da alcuni giorni Van Der Poel pensava al ritiro, afflitto da dolori alla schiena e da uno stato di forma non brillante: “Non so cosa sia ma c’è qualcosa che non va, sono l’ombra di me stesso….” aveva dichiarato domenica prima della giornata di pausa.

Ritiro anche per Daniel Oss, protagonista di una brutta caduta dopo essere entrato in collisione con un tifoso a bordo strada.