Valentino Rossi, arriva la firma che cambia tutto: tifosi senza parole

433

Valentino Rossi, arriva la firma che cambia tutto: tifosi senza parole. Il futuro per il nove volte campione del mondo è già scritto

Nella sua prima stagione lontano dal Motomondiale e dalle piste che l’hanno consacrato, Valentino Rossi ha combinato molto prendendosi i suoi tempi. L’apprendistato con le vetture Turismo sta andando sempre meglio, ma parallelamente c’è  anche l’avventura con il suo team nel Motomondiale.

Valentino Rossi (LaPresse)

Nella prossima stagione il Mooney VR46 sparirà dalla Moto2 grazie all’accordo con Fantic Motor che assorbirà tuitta la struttura compresi i piloti. Vietti Ramus e Antonelli. Ma resterà in MotoGP e oggi arriva una novità importante con una firma. Quella di Marco Bezzecchi che continuerà ad affiancare Luca Marini.

A sei gate dalla fine del Mondiale, Bezzecchi è il miglior esordiente della classe anche  grazie al primo podio arrivato ad Assen. Ma soprattutto, l’accordo c’era già… da un anno come ha svelato lui stesso: “Sono molto contento di poter confermare e annunciare, allo stesso tempo, che il contratto firmato lo scorso autunno era strutturato su due stagioni. Nel 2023 continuerò a correre per il Mooney VR46 Racing Team in sella ad una Ducati. Rimaniamo concentrati sul 2022, chiudiamo al meglio questo primo anno in MotoGP prima di affrontare la nuova stagione”.

Marco Bezzecchi resta al Mooney Team VR46 (LaPresse)

Valentino Rossi, arriva la firma che cambia tutto: ecco perché Rins è finito alla Honda LCR

Marco Bezzecchi quindi continuerà a correre con una Ducati Desmosedici, la stessa moto che avrebbe anche potuto essere di Alex Rins. Lo spagnolo è stato in trattativa con il Team Gresini ma alla fine si è accordato con la LCR Honda gestita da Lucio Cecchinello e a DAZN ha raccontato cosa si aspetta

“Non ho mai gettato la spugna. Grazie alle persone che mi stanno dietro e alla squadra, alla mia famiglia, al mio allenatore, al mio psicologo. Un piccolo grazie a tutti loro. Il Team Gresini non poteva garantirmi una Desmosedici ufficiale e per questo alla fine ho optato per la Honda e non per la Ducati”.

Alex Rins e Lucio Cecchinello (Instagram)

L’intervista è stato anche un modo per togliersi qualche sassolino. “Nel nostro mondo c’è molta falsità. Ad Andorra vivono tanti piloti, ma per esempio con Mir ci siamo visti due volte ed è il mio compagno di squadra. Non sono amico con nessuno, cerco solo di essere cordiale, di andare d’accordo con tutti”.