Milan, altro colpo di scena nella cessione a Red Bird: scelta inattesa

130

Oggi presso il tribunale di Milano si è tenuta l’udienza civile che presentava il ricorso della società Blue Skye, socio di minoranza del Milan, che chiedeva la sospensione della cessione

Ennesimo colpo di scena nella vicenda della cessione del Milan.

Milan Sede Sportitalia 130922
La sede del Milan con i tifosi che festeggiano dopo lo scudetto di maggio (Foto ANSA)

C’era molta attesa per la giornata di oggi e per l’udienza che al tribunale civile di Milano avrebbe dovuto esaminare il ricorso della Blue Skye, società lussemburghese, che deteneva una quota di minoranza della società rossonera al momento del suo passaggio al Fondo Elliot.

Milan, Blue Skye ritira i ricorsi

Blue Skye aveva iniziato una serie di complicati ricorsi in Lussemburgo, a New York e a Milano per bloccare la vendita dal Fondo Elliott al Fondo RedBird pretendendo una capitalizzazione, in pratica una sorta di risarcimento danni.

In realtà l’udienza è durata davvero poco. Clamorosamente infatti, davanti ai giudici del Tribunale di Milano, la Blue Skye ha deciso di ritirare il suo ricorso e rinunciare a qualsiasi pretesa. Dunque, cessione sbloccata e definitiva sulla base dell’accordo di closing depositato il 31 agosto scorso.

La società è di RedBird

Gerry Cardinale e Paolo Maldini (Gianluca Di Marzio)
Gerry Cardinale e Paolo Maldini (Gianluca Di Marzio)

In realtà la questione legale andrà avanti, ma non riguarderà più il Milan. Secondo quanto acclarato dal tribunale la cessione del club è stata perfezionata, ed è ufficiale. E i giudici avevano fatto capire che un ricorso di questo genere non poteva più essere accolto. Una decisione che ricalca quelle che erano le aspettative dei legali del Fondo Elliott che avevano definito “pretestuose” le motivazioni di Blue Skye.

In realtà c’è ancora una vicenda che potrebbe portare Fondo Elliott, che in base all’accordo di closing con RedBird resta come socio di minoranza della società e la Blue Skye per una somma versata a titolo di pegno della quale la società lussemburghese chiede la restituzione con oneri e interessi. Ma la questione diventa civile tra le due società finanziarie e non coinvolgerà in alcun modo il club.

Il Milan, a ricorso ritirato, è da oggi ufficialmente una società che RedBird e Gerry Cardinale acquisiscono con una quota di maggioranza.