GP Singapore, il gesto di Hamilton fa infuriare tutti: Mercedes sanzionata

GP Singapore, il gesto di Hamilton fa infuriare tutti: Mercedes sanzionata. Una leggerezza poteva costare cara al sette volte campione del mondo di Formula 1

Lewis Hamilton, forse per la prima volta dall’inizio della stagione, correrà per vincere una gara. Il fuoriclasse inglese della Mercedes infatti scatterà dalla seconda fila nel Gran Premio di Singapore in programma alle 14 ore italiane.

Hamilton
Lewis Hamilton (LaPresse)

Il sette volte campione del mondo, ancora a digiuno di vittorie in questo 2022, sembra aver trovato un buon feeling con la sua Mercedes W13, che sul Marina Bay Street Circuit sembra trovarsi particolarmente a suo agio.

Hamilton nelle qualifiche ufficiali ha fatto segnare un ottimo terzo tempo, preceduto solo dala Ferrari di Charles Leclerc che partirà in pole position e della Red Bull di Sergio Perez.

Partirà da molto più lontano sulla griglia di partenza, dall’ottava posizione, il campione del mondo in carica Max Verstappen.

Ma a causa di una clamorosa leggerezza commessa durante le prove libere Lewis Hamilton ha messo seriamente a rischio la sua partecipazione alla corsa singaporiana.

Il fuoriclasse inglese infatti, è stato visto dal direttore di gara Eduardo Freitas indossare un piercing al naso durante le prove libere. Una palese violazione dellle nuove norme anti-gioielli introdotte quest’anno dalla FIA.

GP Singapore, il piercing di Hamilton è un caso: Mercedes penalizzata

Hamilton
Lewis Hamilton (LaPresse)

Convocato dai commissari di gara al termine delle qualifiche ufficiali, Hamilton ha ammesso di averlo ‘indossato’ il piercing al naso ma ha anche fornito una giustificazione medica che gli consigliava di non rimuoverlo in quel preciso momento.

I documenti forniti da Hamilton e dalla Mercedes hanno soddisfatto i commissari e il vicedelegato medico FIA, e dunque il sette volte campione del mondo non subirà conseguenze in vista del Gran Premio.

Una penalizzazione è stata invece inflitta alla scuderia di Brackley: secondo la FIA, il team non ha controllato adeguataa dovere il pilota e non ha dunque compilato correttamente il modulo di ‘self scrutineering’ (una sorta di autocertificazione sul fatto che tutto sia corretto all’interno della vettura).

La Mercedes è stata dunque multata di 25mila euro perché il modulo riportava che Hamilton fosse privo di piercing: è chiaro che chi lo ha scritto non si è preoccupato di verificare se il pilota inglese avesse addosso o meno qualche gioiello.

 

Impostazioni privacy