Ultim’ora pazzesca nel calcio italiano: si è appena dimesso

230

Ultim’ora pazzesca nel calcio italiano: si è appena dimesso. Un fulmine a ciel sereno che ha investito il mondo del pallone del nostro Paese

Alla fine il presidente Cellino ha deciso di dimettersi dalla carica di presidente del Brescia. Nonostante non sia arrivata una comunicazione ufficiale, il numero uno di origine sarda ha lasciato il club.

Calcio italiano
Ultim’ora calcio italiano (Facebook)

Il Brescia sta disputando un onesto campionato di Serie B, occupando al momento la settima posizione, a quota 20 punti, con un distacco di 10 lunghezze dal Frosinone capolista. A capo della società lombarda c’è Massimo Cellino, storico volto del calcio italiano.

Uno dei presidenti più longevi del nostro pallone, è entrato a far parte di questo mondo nell’estate del 1992, quando acquistò il Cagliari dai fratelli Orrù per una cifra pari a 16 miliardi di lire.

Con lui i rossoblu hanno disputato 17 campionati di Serie A (con un 6° posto come miglior piazzamento) e 5 campionati di B (con due promozioni). E’ riuscito anche nell’impresa di portare il Cagliari alla Semifinale di Coppa UEFA (1993-94), oltre a due Semifinali di Coppa Italia (1999-00, 2004-05).

Ha lasciato la Sardegna nel 2014, dopo aver ceduto la società al gruppo Fluorsid, appartenente a Tommaso Giulini. Cellino si è quindi tuffato nel mondo inglese, provando a prendere il West Ham. L’acquisizione sfumò nel finale per alcuni problemi con la FA. Poco dopo, invece, è andata a buon fine la trattativa per comprare il Leeds United. 

Calcio italiano, clamoroso a Brescia: Cellino si è dimesso dalla carica di presidente

Massimo Cellino
Massimo Cellino (AnsaFoto)

Dopo aver mollato l’intero pacchetto azionario all’imprenditore italiano Andrea Radrizzani, nella primavera del 2017, Cellino è ripiombato nel calcio italiano.
Il 10 agosto 2017 rileva il Brescia, militante in Serie B, per 6,5 milioni di euro (più 3 milioni in caso di promozione in Serie A).

Dopo aver costruito un nuovo centro sportivo di proprietà del club, ha deciso di ristrutturare anche lo stadio Rigamonti. La stagione seguente gioca la Serie A, riportando in Italia Mario Balotelli.

Purtroppo la retrocessione è stata immediata e negli ultimi due anni ha dovuto fare i conti sempre con la Serie B. Nelle ultime ore è arrivata però una notizia che ha lasciato tutti i tifosi biancoblu davvero senza parole.

Il Brescia deve cercare ora un nuovo acquirente

Brescia Balotelli
Mario Balotelli con il presidente Cellino a Brescia (AnsaFoto)

Secondo le voci provenienti da Brescia, Massimo Cellino si è dimesso dalla carica di presidente del club. 

Il Giornale di Brescia annuncia: “Nessuna comunicazione ufficiale. Solo un silenzio totale. Che tuttavia non ha impedito di trovare riscontri rispetto alla nostra indiscrezione, non smentita, di ieri. La gestione del Brescia targata Massimo Cellino appare a un punto di svolta: l’imprenditore sardo ha rassegnato le dimissioni dalla carica di presidente. Come detto: nessuna comunicazione ufficiale“.

Il motivo sarebbe legato al maxisequestro preventivo dei beni per l’indagine sui reati fiscali, a cui si aggiunge la vicenda legata al centro sportivo di Torbole Castiglia. In più sembra aver inciso una stanchezza diffusa nel far parte di un mondo che non sente più pienamente suo.

Ora si attende di leggere un comunicato ufficiale da parte della società, che dovrebbe arrivare in queste ore, per spiegare a fondo i motivi di tale scelta, che sembra irreversibile.

Andrebbe poi individuato il futuro acquirente del Brescia, in grado di garantire un importante futuro ad una storica squadra del pallone nostrano.