Sport in lutto, morta una leggenda olimpica: in famiglia hanno vinto tutto

384

Sport in lutto, morta una leggenda olimpica: in famiglia hanno vinto tutto. Per almeno un decennio è stata un vero simbolo

Ogni epoca ha i suoi campioni e i suoi miti. In Germania, che allora era ancora Ovest, negli anni ’70 tutti impazzivano per lei, diventata di fatto la fidanzata di tutto un Paese. Ecco perché la morte di Rosi Mittermaier, una delle più grandi sciatrici di sempre.

Sport lutto morta campionessa olimpica:
Sport in lutto, morta una campionessa olimpica: in famiglia hanno vinto tutto (Sportitalia.it)

Il fenomeno tedesco, 72 anni anni, “si è addormentata serenamente, circondata dalla sua famiglia” a Garmisch proprio mentre sulle piste della nota località tedesca era in corso lo slalom maschile di Coppa del Mondo. Quasi un segno del destino per lei che ha vissuto sempre in quel mondo e che ne ha scritto anche una pagina importante,

Rosemarie Mittermaier, come era registrata all’anagrafe, nacque a Reit-im-Winkl ma nei suoi primi anni si trasferì con la famiglia a Monaco. Poi però il ritorno il montagna, dove i genitori gestivano un ristorante e una scuola di sci. Per questo era stato facile cominciare a praticare questo sport, diventando nel corso degli anni un simbolo.

Sport in lutto, morta una campionessa olimpica: nei Giochi del 1976 ha vinto tutto

Fin dai primi anni ’70 era diventato leggendario il suoi duello con un’altra icona dello sci mondiale, l’austriaca Anne Marie Moser, che poi da sposata ha aggiunto Proell al suoi cognome. Quest’ultima però dopo aver vinto tutto si è ritirata a soli 22 anni nel 1975 (tornando poi due anni dopo), mentre Rosi Mittermaier è andata avanti. E ha fatto bene, come dicono i risultati che ha messo insieme in carriera.

Il suo anno magico è stato il 1976, quello delle Olimpiadi austriache di Innsbruck. Tra gli uomini, noi ricordiamo soprattutto l’oro di Piero Gros in slalom, ma tra le donne lei aveva fatto piazza pulita. Prima in discesa e slalom (quindi anche nella combinata che però valeva ‘solo’ come titolo di campione del mondo e seconda in gigante.

Quell’anno dominò anche la Coppa del Mondo generale entrando direttamente nella leggenda dello sci mondiale. In tutto dieci le vittorie in Coppa del Mondo con 41 podi totali, dalla prima in slalom a Schruns nel 1969 all’ultima con la doppietta sulle nevi di Copper Mountain, nel marzo 1976 che resterà il suo anno migliore.

Rosi Mittermaier è morta
Rosi Mittermaier è morta a 72 anni (Sportitalia.it)

In seguito Rosi Mittermaier è stata commentatrice tecnica per la tv tedesca ARD ma si è anche divertita a fare la cantante. Insieme alla sorella minore Evi, anche lei sciatrice di Coppa, ha registrato un paio di album con canzoni popolari bavaresi che hanno avuto successo.

Morta una campionessa olimpica: an che il marito e soprattutto il figlio sono stati grandi nello sci

In realtà però quella di Rosi Mittermaier è stata una famiglia profondamente legata al mondo dello sport. Ha sposato lo slalomista tedesco Christian Neureuther, sei vittorie in Coppa del mondo (ma nessuna medaglia olimpica) che negli anni ’70 era stato avversario spesso di Thoeni, Gros e De Chiesa.

Dal loro matrimonio, due figli: Ameli che ha fatto la stilista, ma soprattutto Felix Neureuther che ha seguito le orme dei genitori (soprattutto del padre) diventando un grandissimo dello slalom negli anni Duemila.

Felix Neureuther
Felix Neureuther (Sportitalia.it)

Di lui ri ricordano soprattutto le medaglie ai Mondiali: 1 oro nella gara a squadre a Bormio/Santa Caterina Valfurva 2005, l’argento in slalom a Schladming 2013 e 3 bronzi (gara a squadre a Schladming 2013, slalom speciale a Vail/Beaver Creek 2015, slalom speciale a Sankt Moritz 2017). In più 13 vittorie e 47 podi complessivi in Coppa del Mondo. Dopo il ritiro, dalla stagione 2019-2020, anche lui è diventato commentatore sportivo per la rete televisiva tedesca ARD.