Il derby della Mole: Allegri carica i suoi, ma Juric non li teme

Il derby non è mai una partita come le altre, rappresenta una sfida indipendente che si discosta da ogni circostanza, lo stesso chiaramente vale per il derby della Mole. Juventus e Torino, sono più vicine che mai a un solo punto di distanza in classifica, con la stessa fame di vittoria proveniente da una corsa inarrestabile per i bianconeri e dalla voglia di riscatto per i granata che mai si sono imposti allo Stadium.

Allegri: “Questo derby è più importante per noi”

Da un lato la Juve reduce dal successo europeo contro il Nantes grazie a un eclettico Di Maria che ha consentito l’accesso agli ottavi di finale, dall’altro il rimorso per il pari rimediato dal Toro contro la Cremonese. Una sfida in cui nulla appare scontato, inoltre in questo derby della Mole sono previsti grandi ritorni in scena per entrambe le compagini.
Sul fronte Juventus a fare chiarezza è stato Massimiliano Allegri durante la consueta conferenza stampa alla vigilia del match: “È una partita molto importante per entrambi, ma soprattutto per noi, il Bologna ha battuto l’Inter e ora è a 3 punti. Dobbiamo continuare ad incrementare i punti fatti in campionato, che sono 47” ribadisce annullando a voce la penalizzazione che incombe in classifica. Poi il tecnico bianconero fa il punto sui rientri, attesissimi: “Chiesa si è allenato con la squadra ma veniva da giorni in cui ha lavorato a parte, devo ancora decidere ma difficilmente potrà partire dall’inizio. Ha giocato due partite di seguito con la Fiorentina e con il Nantes, ma ora sta bene. Bonucci sta molto meglio, ha ripreso confidenza col campo. Già riaverlo è molto importante, da qui alla fine abbiamo tante partite e lui è il capitano della Juventus. Pogba sta meglio, domani è convocato. Se c’è bisogno entrerà, ha un buon minutaggio, ma non altissimo. ha giocato l’ultima partita 315 giorni fa, da qui a dire che è totalmente recuperato ce ne passa”.

L’analisi di Allegri sulla squadra di Juric e i “mini obiettivi”

Allegri analizza l’avversario dopo averlo studiato in settimana; “Le squadre di Juric cercano sempre di giocare, attaccano molto e danno pressione. Sono partite di grande intensità, dovremo essere bravi a calarci nella realtà del match. Se pensiamo di giocare in punta di piedi rischiamo di prenderle. Dobbiamo essere pronti, consapevole dell’importanza della partita. Dobbiamo ragionare con piccoli obiettivi e il nostro obiettivo è riagguantare il Bologna”.

In chiusura di conferenza, Allegri ci tiene a ribadire un concetto cardine della sua visione tattica per questa stagione, nessuna corsa, si procede a piccoli passi in attesa di risposte extracampo. “La squadra si è assestata- dichiara in merito ai 15 punti di penalizzazione-. Abbiamo chiara una cosa: i mini obiettivi e non perdere certezze. Come squadra e gruppo di lavoro sappiamo che dobbiamo arrivare a fine stagione con i punti che ci consentono di arrivare nelle prime quattro, al netto delle sanzioni e di quello che accadrà”.

Parla Juric: “Siamo pronti”

Le sorprese arrivano anche in casa granata, Juric per il derby della Mole recupera Ricci e Ilicic. Il tecnico del Torino commenta: “Abbiamo fatto una buona settimana e recuperato qualcuno, alzando il livello di altri. Penso che siamo pronti. È tutto l’anno che siamo al massimo, senza cali. C’è qualche giocatore come Ilic che ha ancora tanto davanti a sè, è arrivato in condizioni non buone e da un infortunio non curato bene. Se alziamo lo stato dei singoli, ci alziamo come squadra”.mi aspetto una gran partita, liberi di testa. Spero che riusciremo a vincere”.

Impostazioni privacy