Roma, Baldanzi in città: a salutare sono Belotti e Kumbulla

Gennaio rivoluzionario. Nella capitale il vento del cambiamento soffia sempre più forte. La Roma di DDR prende forma, a suon di nuovi arrivi e trattative last minute prima del gong finale del mercato.

I riflettori sono tutti puntati su Tommaso Baldanzi. Il fantasista classe 2003 di proprietà dell’Empoli che si appresta, adesso, a diventare un nuovo giocatore della Roma. Un talento affermato e corteggiato da più club ormai da diverse sessioni di mercato. Ma il gioiellino vuole la Roma e Roma vuole lui. L’arrivo in città è avvenuto a 24 ore dalla chiusura della porta, in attesa del solito iter medico che porterà all’ufficialità. La fumata bianca è arrivata grazie all’accordo tra le parti raggiunto per 13 milioni più 2 di bonus.

A lasciare la corte di Daniele De Rossi, invece, è Andrea Belotti. Lui che a Roma ha deluso le aspettative, sue personali e della piazza. Lui che, ora più che mai, è voglioso di riscatto. Con la maglia viola addosso, al momento fino a giugno, l’obiettivo è quello di rispolverare la cresta del gallo granata.

Valigie pronte anche per Kumbulla, direzione Sassuolo. Pronto il prestito con diritto di riscatto, per l’albanese che rientra da un brutto infortunio, ma non vuole perdersi l’opportunità di esser convocato per l’Europeo.  In attesa rimangono quindi, Celik e Renato Sanches. Ma Tiago Pinto, prima di levare ufficialmente l’ancora da Roma ha intenzione di sciogliere ogni nodo di mercato. Consegnando ufficialmente nelle mani di DDR la sua Roma nuova di zecca.