Verstappen-Red Bull, è rottura: la decisione ribalta il mondiale

Tra Max Verstappen e la Red Bull il clima si fa più teso. La decisione potrebbe ribaltare seriamente il mondiale: cosa sta succedendo?

Un periodo per nulla facile quello che stanno vivendo sia Max Verstappen che la Red Bull. Lo dimostra chiaramente l’ultimo Gran Premio vinto da Charles Leclerc nella “sua” Montecarlo in cui la Ferrari ha effettuato una grandiosa prestazione grazie anche al terzo posto di Sainz. Nonostante la sconfitta, però, il campione del mondo è sempre al primo posto, ma i rivali storici sono comunque alle calcagna.

Verstappen scatenato: si è lamentato
Rottura tra Max Verstappen e la Red Bull: spunta una lamentela – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Nel frattempo, però, arriva una clamorosa indiscrezione che fa letteralmente infuriare il tre volte campione del mondo. Lo stesso Verstappen, a quanto pare, sta puntando il dito contro la scuderia da ben due anni per un chiaro motivo: ovvero per il simulatore della Red Bull che, secondo il pilota orange, restituirebbe dei numeri errati.

Verstappen contro la Red Bull: “Simulatore restituisce numeri errati”

Subito dopo il Gran Premio di Monaco il belga-olandese non ha affatto nascosto i problemi che riguardano la sua vettura che, in qualche modo, ha giudicato “normale” rispetto alle altre vetture. Le stesse che sarebbero cresciute rispetto appunto alla Red Bull. Insomma emerge un punto debole che non è stato affatto migliorato.

Verstappen si lamenta del simulatore della Red Bull
Rottura tra Max Verstappen e la Red Bull: c’è la lamentela – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Questo è quello che fa sapere i tedeschi di “F1-insider.com“. La stessa testata, infatti, rivela di quanto Verstappen si stia lamentando (da due anni) sul fatto che il simulatore della Red Bull restituisca dei numeri errati. Gli stessi che, una volta arrivati in pista, non trovano corrispondenza. Lo si è capito proprio a Monaco quando i piloti avrebbero potuto aggredire i controlli senza problemi. Ed invece, in pista, la sua “RB20” è stata giudicata “inguidabile“.

Se da una parte c’è un Verstappen infuriato dall’altra, invece, i tecnici della Milton Keynes negano tutto. Nessun problema al simulatore, quindi, per coloro che fanno parte del team. Un altro argomento che ha scaturito non poche polemiche riguarda la critica aperta di Christian Horner. Quest’ultimo, infatti, è sempre più convinto che Verstappen abbia commesso un grave errore in Q3.

Una critica che, però, non è stata digerita dal padre del pilota Jos ed al manager Raymond Vermeulen. Anche perché, lo stesso team principal, non ha mai aperto bocca sul fatto che Sergio Perez, in quel di Monaco, non sia stato in grado di superare il taglio in Q1. In tutto questo “caso” c’è chi potrebbe “goderne”: si tratta della Mercedes che lo aspetta a braccia aperte, ovviamente nel caso in cui Verstappen decida di chiudere i rapporti con la Red Bull.

Impostazioni privacy