Da Camarda a Mosconi, passando per Liberali: crescono le stelline dell’U17

Un trionfo dal sapore dell’impresa, che ha messo in vetrina i grandi talenti azzurrini: l’Italia U-17 ha conquistato mercoledì sera la finale degli Europei battendo con un sonoro 3-0 il Portogallo. Gli adolescenti del ct Massimiliano Favo hanno rubato l’occhio in via istantante sulle tribune della Limassol Arena di Cipro. In primis Francesco Camarda, autore di una doppietta (il primo gol di pregevole fattura, con l’incursione e la finta per mandare al bar la difesa lusitana, ndr), strepitosa. Il classe 2008, che sta per rinnovare con il Milan, ha siglato 4 gol nella competizione, certificando uno status di superiorità evidente.

Il Milan si gode anche Mattia Liberali, un 10 a tuttocampo che è costruttore e rifinitore del gioco. La rete contro l’Inghilterra, con una serpentina favolosa, ha fatto strabuzzare gli occhi a tutti gli addetti ai lavori e non solo. L’interista Mattia Mosconi ha mostrato ottime qualità: incursioni rapide con quel mancino sempre pronto a puntare l’uomo. In evidenza anche Christian Cama, terzino della Roma, Federico Coletta, centrocamipista dei giallorossi.

Nel reparto arretrato ottime le prove di Andrea Natali, Verde e Garofalo. Stelline in evidenza: crescere per sbarcare con qualità ed entusiasmo nel calcio dei grandi.

 

Impostazioni privacy