Diletta Leotta si sfoga: “Mi massacrano”. Cosa è successo

339

Diletta Leotta si è sfogata nell’ultima intervista a Nuovo Tv e ha raccontato di aver dovuto prendere una decisione importante

Diletta Leotta
Getty Images

Diletta Leotta è tornata ad essere protagonista in tv con la ripresa del campionato di Serie A, ripartito ormai da circa un mese. La bella presentatrice si è tuffata anima e corpo sulla sua carriera dopo essere stata al centro dell’attenzione delle riviste di gossip nell’ultimo anno ed in particolar modo quest’estate.

La relazione tra lei e Can Yaman ha fatto chiacchierare tutti gli italiani e da qualche settimana, nonostante nessuno dei due ne abbia parlato apertamente, è stata resa ufficiale la rottura. Nessuna foto insieme da circa due mesi, lui assente al compleanno di lei e tanti altri segnali che certificano la fine del loro rapporto.

Rapporto che però non ha mai convinto del tutto i media e il pubblico, con tanti che vociferavano che la loro fosse una storia costruita ad arte. E così i paparazzi e i giornalisti hanno letteralmente assediato la Leotta, invadendo più volte la sua privacy in cerca di dettagli “scottanti”. Situazione che ha infastidito non poco la siciliana.

LEGGI ANCHE: Diletta Leotta, la bionda e la mora il sabato sera: i fan esultano – FOTO

Diletta Leotta si sfoga dopo il gossip estivo: “L’obiettivo è quello di massacrarmi”

Diletta e Can
Facebook

Nella sua ultima intervista rilasciata al settimanale “Nuovo Tv” la presentatrice televisiva ha raccontato il suo malessere e si è sfogata per la situazione: “L’obiettivo è quello di massacrarmi, demoralizzarmi, togliermi un po’ di energie”, ha detto Diletta senza nascondere il fastidio.

La cosa che più la siciliana non sopporta è che la sua vita privata possa andare a compromettere quella professionale: “Le polemiche sono su aspetti futili, che non sono rilevanti perché sono cavoli miei”.

LEGGI ANCHE: Diletta Leotta, la rivelazione sui suoi inizi in tv: cosa è successo

Ma c’è di più: la Leotta ha raccontato che ha dovuto prendere la decisione di lasciare la sua casa di Milano e trasferirsi altrove. Del resto a nessuno piacerebbe vivere costantemente con dei droni sui propri terrazzi.