Bagnaia, dichiarazioni sorprendenti: “Vi spiego perchè non ho festeggiato”

309

Bagnaia, dichiarazioni sorprendenti: “Perchè non ho festeggiato”. Il pilota torinese della Ducati si distingue per signorilità ed eleganza

Pecco Bagnaia
Francesco ‘Pecco’ Bagnaia pilota della Ducati (Getty Images)

Il Gran Premio delle Americhe sul discusso circuito di Austin ha visto il trionfo di un ritrovato Marc Marquez davanti a Fabio Quartararo: il giovane centauro nizzardo, facendo sfoggio di una maturità e di una continuità impressionanti, con questo secondo posto è ormai ad un passo dalla conquista del suo primo titolo mondiale di MotoGP. Sul terzo gradino del podio è salito Francesco ‘Pecco’ Bagnaia in sella alla sua Ducati: un ottimo risultato per il ventiquattrenne pilota torinese dopo i due straordinari successi consecutivi ottenuti in Catalogna e sul circuito di Misano.

LEGGI ANCHE>>>MotoGP Austin, il ritorno di Marc Marquez: Quartararo doma Bagnaia

LEGGI ANCHE>>>MotoGP Misano, vince Bagnaia, seconda vittoria di fila: un grande!

Resta un briciolo di delusione dopo la pole position conquistata in scioltezza dalla Ducati, ma il terzo posto alle spalle del ritrovato Marquez e del prossimo campione del mondo Quartararo non è affatto da buttare. E tra venti giorni si torna a Misano per il Gran Premio di San Marino 2: sul circuito romagnolo, dove la Ducati ha dimostrato di trovarsi particolarmente a suo agio, Bagnaia punterà con decisione alla terza vittoria stagionale. Ma il campione piemontese ha già vinto, anzi stravinto, il mondiale della sportività con un gesto e le successive dichiarazioni che hanno esaltato i suoi tantissimi fan.

LEGGI ANCHE>>>MotoGp, Pecco Bagnaia su di giri: così vuole vincere il mondiale

Dean Vinales
Dean Berta Vinales (Getty Images)

Bagnaia, il gesto sul podio colpisce tutti: “Non ho festeggiato per rispetto di Vinales”

Salito sul podio di Austin insieme ai suoi avversari per il consueto rituale della premiazione, Bagnaia non ha festeggiato insieme agli altri stappando la solita bottiglia di champagne. Un gesto che ha colpito tutti e di cui il pilota torinese ha spiegato le ragioni: “La morte di Dean Berta Vinales (il quindicenne pilota spagnolo cugino del più conosciuto Maverick) è molto recente, per rispetto della famiglia Vinales non ho esultato. Questa tragedia ha toccato tutti e ho trovato giusto mantenere un profilo basso sul podio”.