Pilota Nascar attacca l’ex moglie con un’accetta: ucciso a colpi di pistola

250

Sta scuotendo l’America il caso di John Wes Townley, ex pilota Nascar ucciso a colpi di pistola mentre minacciava l’ex moglie in compagnia di un altro uomo con un’accetta

John Wes Townley
John Wes Townley, il pilota della Nascar drammaticamente ucciso ad Athens (Getty Images)

Da un paio di giorni le pagine di sport americane statunitensi aprono con la notizia di un clamoroso ed efferato omicidio avvenuto a Five Points, un lussuoso quartiere residenziale nei pressi di Athens, Georgia. La vittima è John Wes Townley, ex pilota della Nascar con oltre 200 partenze tra campionato Truck ed Xfinity.

Il pilota Nascar

Townley, 31 anni, non è solo un pilota, ma anche il rampollo di una ricchissima famiglia di imprenditori. Suo padre, Tony Townley, è il fondatore della Zaxby, una popolarissima catena di ristoranti e fast food. Sovvenzionato dal padre, Townley ha esordito giovanissimo nei campionati automobilistici statunitensi. Da qualche tempo aveva progressivamente abbandonato il suo impegno agonistico per dedicarsi all’attività imprenditoriale.

Quanto è accaduto ad Athens è stato oggetto di indagine approfondita dalla polizia, che solo nelle ultime ore ha chiarito cosa sarebbe realmente accaduto.

LEGGI ANCHE >  Daniel Ricciardo e un premio speciale: il pilota si commuove

John Wes Townley
Townley, 200 partenze in Nascar tra Xfinity e Truck (Getty Images)

Rissa e sparatoria

Townley pochi giorni fa si è definitivamente separato da sua moglie, Laura: un divorzio lungo e problematico. Stando alla ricostruzione di alcuni testimoni il pilota si sarebbe presentato nei pressi dell’abitazione di Zachary Anderson, 32 anni, l’uomo che da qualche tempo frequentava l’ex moglie, impugnando un’accetta. Il suo atteggiamento sarebbe stato minaccioso: e da una discussione è nata una colluttazione. Anderson, armato, avrebbe esploso alcuni colpi di pistola che avrebbero ucciso Townley e ferito la sua ex moglie. La donna è tutt’ora ricoverata in ospedale in gravi condizioni ma non più in pericolo di vita

Le testimonianze risultano avvallate e suffragate anche dal rapporto di polizia: “Tutto fa pensare che si sia trattato di una reazione a un’aggressione – dice il portavoce dello sceriffo della contea di Athens-Clarke – il resto lo stiamo ancora verificando”.

Townley è stato soccorso subito dopo la sparatoria ma è morto durante il trasporto all’ospedale.