Spadafora, annuncio in diretta tv dell’ex ministro dello sport: “Ora sono libero”

269

Spadafora, annuncio in diretta tv dell’ex ministro dello sport: “Ora sono libero”. Inaspettata rivelazione nel corso del programma ‘Che tempo che fa’

Spadafora
Vincenzo Spadafora ex ministro dello sport (Archivio LaPresse)

La sua gestione è stata a lungo discussa e in parte anche contestata. Vincenzo Spadafora, 47 anni di Afragola, è stato per quasi un anno a mezzo Ministro dello Sport nel Governo Conte bis. Sei mesi dopo la sua nomina, sull’intero Paese si è abbattuta la piaga del Covid-19 che ha stravolto completamente l’intero calendario di tutte le attività sportive. Tornei e campionati fermi per mesi, poi la lenta e graduale ripresa tra mille difficoltà.

LEGGI ANCHE>>>Serie A, grandi novità sugli stadi: l’annuncio fa impazzire club e tifosi

LEGGI ANCHE>>>Stadi aperti, parla Valentina Vezzali: “Alla Cabina di regia ho chiesto questo”

In tutto questo la gestione di Spadafora è passata attraverso aspre critiche soprattutto da parte del mondo del calcio che non ha digerito la decisione di chiudere gli stadi per un anno intero, una scelta drastica le cui conseguenze soprattutto di natura economica le società stanno ancora scontando. Da qualche mese Spadafora non è più ministro: con l’arrivo a Palazzo Chigi di Mario Draghi il suo posto è stato preso dall’ex campionessa di scherma Valentina Vezzali. Al di là delle accuse Spadafora si sente in pace con la coscienza e ieri sera, ospite del programma ‘Che tempo che fa‘, lo ha ribadito: “Era un momento drammatico e non si ppoteva fare diversamente: stadi e impianti andavano chiusi“.

LEGGI ANCHE>>>Stadi e palasport, il CTS comunica i prossimi passi: le decisioni ufficiali

Spadafora
Vincenzo Spadafora (Archivio LaPresse)

Spadafora, il coming out e la commozione: “Volevo sentirmi più libero”

Ma la confessione più clamorosa e inattesa di Spadafora davanti al conduttore Fabio Fazio ha riguardato la sua sfera privata: “La vita privata delle persone deve rimanere tale, ma chi ha un ruolo pubblico, un ruolo politico, ha qualche responsabilità in più. Per questo motivo reputo opportuno dichiarare la mia omosesualità“.

Il coming out dell’ex ministro dello Sport ha sorpreso tutti: “In politica l’omosessualità viene usata anche per ferire, per colpire l’avversario – ha proseguito Spadafora visibilmente commosso –  con un brusio che io stasera volevo spegnere. Spero di essere considerato per quel che faccio, per quel che sono, e da domani forse sarò più felice perché mi sentirò più libero”.