Serie A, clamorosa sanzione dopo il derby tra Torino e Juventus

214

Oggi la Questura si è pronunciata in merito agli scontri avvenuti nello scorso derby di Serie A tra Juve e Toro: sanzioni pesanti

Torino-Juventus Serie A
Lapresse

Da qualche mese in Serie A gli stadi si sono tornati a riempire. A partire dalla scorsa estate fino ad oggi c’è stato un progressivo ritorno dei tifosi negli impianti, anche se con l’arrivo della quarta ondata non è esclusa una nuova limitazione ai non vaccinati contro il Covid.

Finalmente i match hanno avuto di nuovo il giusto contorno fatto di cori, esultanze ed abbracci. Purtroppo però nel nostro campionato ogni tanto si ripetono episodi di razzismo oppure di violenza.

E’ il caso, ad esempio, dell’ultimo derby di Torino tra granata e Juventus andato in scena lo scorso 2 ottobre e terminato con la vittoria dei bianconeri in extremis grazie ad una rete di Locatelli. In quell’occasione alcuni tifosi juventini si erano resi protagonisti di alcuni scontri con le forze dell’ordine ed oggi sono arrivate le sanzioni.

LEGGI ANCHE: Torino-Juventus 0-1, Highlights, Voti e Tabellino: Locatelli firma il derby

Serie A, batosta per i tifosi juventini dopo il derby col Torino: tutte le sanzioni

Tifosi Juventus
Lapresse

Dopo la partita la Digos e la Questura di Torino hanno fatto partire le indagini nei confronti degli ultras bianconeri che avevano creato scompiglio prima del derby. Due gruppi di supporters della Juve, “Tradizione Antichi Valori” e “Bravi Ragazzi”, avevano infatti aggredito i contingenti del Reparto Mobile con bastoni e cinghie, lanciando anche bottiglie di vetro, rendendo pertanto necessaria una calibrata azione di respingimento.

Due di loro erano stati già denunciati, mentre oggi sono arrivati ulteriori provvedimenti per altri 23 ultras bianconeri. Si tratta di DASPO che varia da 2 a 7 anni, per un totale di 92 anni, con obbligo di firma durante le partite della Juventus.

LEGGI ANCHE: Torino-Juventus, clamorosa protesta senza precedenti dei tifosi granata

La Questura e la Digos dunque hanno usato la mano pesante, con la speranza che episodi del genere finiscano o quanto meno diminuiscano nel prossimo futuro.