Ferrari, doccia gelata per tutti i tifosi: arriva una bocciatura clamorosa!

622

Ferrari, doccia gelata per tutti i tifosi: arriva una bocciatura clamorosa! La scuderia di Maranello ha puntato tutto sul 2022

Binotto
Mattia Binotto (Foto: LaPresse)

Il campionato mondiale di Formula 1 si è appena concluso ma è già tempo di pensare al 2022. I primi test per i rookies sono andati in scena sul circuito di Abu Dhabi, nella settimana seguente il Gran Premio. Anche qualche big ne ha approfittato per testare le nuove gomme da 18 pollici, tra cui il neo iridato Max Verstappen. La vera e propria presentazione delle nuove monoposto arriverà a febbraio, con i 4 giorni di prove sul circuito di Barcellona. Ad inizio marzo ci si sposterà in Bahrain, per gli ultimi 3 test-day prima del semaforo verde. Molti hanno insinuato che la Red Bull si sia concentrata troppo sul 2021, tralasciando il progetto del prossimo anno. A tal proposito, anche un po’ risentito, il team principal Christian Horner ha dichiarato: “Se la Ferrari spazzerà via la concorrenza allora sì, significherà che abbiamo sacrificato il 2022 per chiudere il 2021 davanti“.

LEGGI ANCHE >>> Formula 1, Mattia Binotto è convinto: nel 2022 cambierà tutto

LEGGI ANCHE >>> Verstappen-Hamilton, un grande allenatore li esalta: “Facciamo come loro”

Ferrari, doccia gelata per tutti i tifosi: Helmut Marko li esclude dalla lotta Mondiale per il 2022

Binotto Marko Horner
Helmut Marko, Mattia Binotto e Christian Horner (Foto: LaPresse)

La Red Bull è riuscita nell’impresa di detronizzare Hamilton, ma potrebbe pagare qualcosa in futuro. In realtà, il consulente della scuderia anglo-austriaca, Helmut Marko, ritiene che nonostante un regolamento rivoluzionario in arrivo, la lotta sarà sempre tra loro e Mercedes.

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l’ex pilota ha dichiarato: “Le nuove regole rappresentano un’incognita, soprattutto per quanto riguarda il diffusore. Credo che sarà ancora una battaglia tra noi e la Mercedes”. 

Poi sull’addio della Honda, che continuerà a fornire il know-how per la costruzione delle power unit, Marko aggiunge: “Non cambierà nulla, la Honda continuerà a costruire i motori per noi, la differenza è che li dovremo pagare. In questo senso è stato fondamentale congelare il regolamento per quanto concerne gli sviluppi delle power unit, che si interromperanno nel 2022″.