Marcell Jacobs, confessione inaspettata: svelato un interessante retroscena

206

Marcell Jacobs, confessione inaspettata: svelato un interessante retroscena. Il velocista azzurro è pronto a tornare in pista

Marcell Jacobs
Marcell Jacobs (Foto: LaPresse)

E’ stato l’emblema dell’estate favolosa vissuta dall’atletica e dallo sport italiano. Marcell Jacobs ha messo la firma su due delle imprese olimpiche più importanti di sempre per il nostro paese. Prima la vittoria dei 100 metri piani, poi la zampata nella staffetta 4×100, al fianco di Patta, Desalu e Tortu. Un’apoteosi che lo ha lanciato direttamente nel Gotha dei velocisti all time. A 27 anni è arrivato il momento della consacrazione e dopo aver segnato il tempo di 9″80 ora bisogna confermarsi. In queste settimane il ragazzo di El Paso, si sta forgiando al caldo di Tenerife, pronto a tornare in pista a breve.

Come al solito non smette di essere attivo sui social, immortalando diversi scatti interessanti per tutti i suoi tifosi. Ora ha deciso di svelare i tatuaggi che si è regalato come ricordo delle imprese in Giappone.

Marcell Jacobs, confessione inaspettata: i magnifici tatuaggi post Olimpiade

Marcell Jacobs
Marcell Jacobs (screenshot/Instagram)

In alcune stories, Jacobs mostra la scritta ‘Italia’, con lo stesso font utilizzato per le divise della nazionale italiana a Tokyo. In più si è disegnato i classici ‘cinque cerchi olimpici’. Grazie ai social si è venuti anche a conoscenza di quelli che saranno i piani imminenti per la prossima stagione. Dal 4 febbraio si torna a fare sul serio con il meeting di Berlino (indoor), prima gara dall’agosto 2021.

LEGGI ANCHE >>> DMTC: Tamberi, Russo e Bordignon augurano a tutti un buon 2022 nel segno di Squid Game

LEGGI ANCHE >>> Stati Uniti, scandalo olimpico: sotto accusa un medico sportivo per doping

Il grande obiettivo della stagione saranno i Mondiali americani di Eugene (Oregon). Lì si presenterà come numero uno, uomo da battere e con tutti i riflettori puntati su di lui. Come spesso si dice nello sport, confermarsi è più difficile di vincere. La concorrenza, tra statunitensi e giamaicani, non manca davvero. Starà a Marcell dimostrare che Tokyo è stato solo il primo acuto di una carriera straordinaria.